LightScience: trionfa la startup del dottore Bonapace di Catanzaro

Obiettivo: risollevare la sanità calabrese

Più informazioni su

    La startup LightScience Srl, di cui fa parte il catanzarese Giuseppe Bonapace, biologo e dottore di ricerca in Biochimica presso il Policlinico di Catanzaro, ha trionfato recentemente nella Startup Competition intitolata “Web Marketing Festival 2020”, con la soluzione myLab. Questa startup, attuale orgoglio della scienza e della medicina in un periodo sicuramente buio, soprattutto per la Calabria, era già stata selezionata tra le sei finaliste della Startup Competition al Web Marketing Festival 2020, il cui evento ha avuto luogo sui social del Festival. LightScience ha vinto la competizione e si è aggiudicata il premio della giuria, consistente in una somma di denaro da investire nel progetto, comprensiva dei 75.000 euro messi in palio da Unicredit.

    La startup è diventata società il 30 gennaio 2020 e comprende, tra i fondatori, oltre a Giuseppe Bonapace, anche i dottori Marco Vismara e Antonio Valentini. Fanno parte del team anche Luca De Angelis e Gioele Mancino. Il lavoro del team con myLAB ha ottenuto diversi riconoscimenti anche prima che il gruppo si costituisse in una s.r.l. e il progetto ha ricevuto grande attenzione all’Innovation Forum 2019: qui ha ottenuto i premi messi in palio da ComoNExT, Innovability.eu e Geosmartcampus.

    Grazie a questi ultimi, ha poi fatto parte del programma di accelerazione di ComoNExT e Geosmartcampus. Inoltre, è stata selezionata e finanziata per partecipare all’Health Impact Program della Grenoble Ecole de Management, in collaborazione con l’Hospital Clínic de Barcelona ed il Research Institutes of Sweden, sponsorizzato dall’EIT Health. Si può con certezza dire, dunque, che l’innovazione portata avanti da LightScience ha giocato un ruolo importante per la vittoria finale, e la giuria ha gradito la presentazione del dr. Marco Vismara, che ha esposto la soluzione myLAB.

    Anche i conduttori dell’evento Diletta Leotta e Cosmano Lombardo hanno mostrato grande interesse al riguardo. Insomma, in un periodo così particolare in cui la Calabria vive una grande crisi sanitaria, questo successo rappresenta una concreta speranza, dimostrando come da un’idea nata dall’unione di intenti tra il dr. Vismara ed il dr. Bonapace si possa arrivare così in alto. Per questo motivo, Catanzaro e la Calabria tutta possono essere fieri per questo risultato, nella consapevolezza che c’è bisogno di valorizzare sempre questi talenti perché tutto proceda per il meglio.

    Più informazioni su