Quantcast

Sellia, mille prelievi in cinque anni

Importante traguardo per punto prelievi convenzionato Asp

Sellia si conferma paese  della prevenzione e della salute. Il punto prelievi, convenzionato con l’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro, non solo non chiude battenti, ma conferma numeri che non sopportano confutazioni: appena superata la soglia dei mille prelievi in un solo lustro.

Dati incontrovertibili che rinnovato l’ impegno della comunità selliese sul fronte salute. Scrive  il primo cittadino Davide Zicchinella in una nota stampa:

“Nelle ultime settimane, sono più volte intervenuto nel dibattito politico per denunciare  le difficoltà e i ritardi della sanità calabrese.  L’ho fatto da sindaco e consigliere provinciale, ma soprattutto da medico. Il fatto di essere pediatra di libera scelta (o se preferite di famiglia) mi ha sempre fatto sempre avere un particolare interesse sui temi dei servizi socio-sanitari nello svolgimento della mia  attività politico-istituzionale. Non solo in periodi di emergenza. E non solo a parole! Risale, infatti, a più di 5 anni fa, l’apertura a Sellia di un ambulatorio comunale con annesso punto prelievi convenzionato con l’Asp di Catanzaro.

Nel pieno dei tagli alla sanità imposti dal piano di rientro e mentre in Calabria chiedevano decine di ospedali e importanti servizi territoriali, a Sellia, grazie al  nostro impegno e alla nostra lungimiranza amministrativa riuscivamo a offrire (e offriamo tuttora) ai nostri concittadini questo importante servizio. Il nostro ambulatorio comunale, specialmente oggi, con le limitazioni alle prestazioni imposte dall’emergenza Covid19, ritorna quanto mai utile e permette ai cittadini selliesi di non risentire di queste gravi limitazioni al diritto alla salute. In questi cinque anni e mezzo di attività sono stati effettuati, a Sellia, oltre mille prelievi (il doppio della popolazione residente) molti domiciliari a persone non deambulanti. Abbiamo promosso nel nostro ambulatorio comunale diverse campagne di screening gratuito in ambito oculistico, audiometrico, cardiologico, ecografico. Sellia è diventato il borgo della prevenzione e della salute. Pur disponendo di pochissimi uomini e mezzi, ma lavorando in sinergia con associazioni di volontariato e medici disponibili ed illuminati siamo riusciti a raggiungere questi importanti numeri e risultati. Quasi a costo zero! Con tutte le risorse avute a disposizione (ed in gran parte sprecate) anche la nostra amata Calabria avrebbe potuto diventare una delle prime regioni italiane per il livello di Tutela della Salute dei propri abitanti. Sarebbe bastato scegliere i politici ed i dirigenti (di dipartimenti, aziende ospedaliere e territoriali) giusti. Ma non è mai troppo tardi, basta avere il coraggio e la libertà delle proprie scelte! #Lacalabriameritadipiu”.

In momenti difficili, le buone notizie sono utili per trovare la via d’uscita.