Quantcast

Sette curiosità sull’acido glicolico

Una sostanza naturale è molto popolare nell’ambito dell'estetica

Più informazioni su

Lacido glicolico è una sostanza naturale: si trova in alcuni frutti, e fa parte della famiglia degli alfaidrossiacidi insieme ad altri acidi come quello lattico e quello citrico.

Questo elemento è molto popolare nell’ambito del wellness, per le sue numerose proprietà che interessano soprattutto il benessere della cute. Rappresenta un ottimo supporto persino contro le cicatrici più superficiali, come quelle lasciate dall’acne, e le macchie che derivano da un’esposizione prolungata ai raggi ultravioletti.

Nelle prossime righe ti elencheremo delle curiosità che riguardano l’acido glicolico, affinché tu possa conoscere meglio questo estratto così salutare per la pelle. Ricorda che i suoi utilizzi nel ramo dell’estetica sono tantissimi: ad esempio, quello in oggetto è uno dei più importanti principi attivi della bava di chiocciola, un ingrediente che a sua volta è spesso adoperato per creme, scrub, sieri e altri articoli per beauty routine.

Nuvò Cosmetic è un brand che offre una vasta selezione di prodotti di bellezza alla bava di lumaca. Gli animali sono allevati nei pressi del Lago di Garda, e il loro ciclo biologico non è mai, in nessun caso, messo a repentaglio (poiché la bava viene ricavata con acqua tiepida e con un delicato massaggio). L’azienda ha una vision “verde”, e inserisce tra i propri valori fondamentali il rispetto per l’ambiente.

La bava ottenuta da questi molluschi non contiene solo acido glicolico, ma anche collagene, elastina, allantoina e mucopolisaccaridi. Ogni singolo step del processo di lavorazione è eseguito con la massima attenzione, grazie all’intervento di autentici esperti del settore.

1 – L’acido glicolico ha una marcata capacità esfoliante

Una prima cosa da sapere sull’acido glicolico è la seguente: esso è esfoliante, ed è quindi in grado di eliminare le cellule morte che occludono i pori e impediscono al derma di respirare.

Qual è la spiegazione scientifica? In pratica, la sostanza in questione rende più fragili i legami tra le cellule dei tessuti. Queste ultime, dunque, possono essere rimosse più facilmente con conseguente rinnovamento della superficie cutanea.

Le preparazioni per skin care che includono acido glicolico garantiscono un lieve effetto peeling, e sono ideali per i rituali quotidiani che mirano alla cura del viso e del corpo.

2 – Un valido sostegno contro l’acne

Come già abbiamo accennato, l’elemento di cui parliamo aiuta ad affievolire le lesioni più leggere della pelle. Il discorso vale anche per le cicatrici che rimangono dall’acne.

Non solo: l’acido glicolico consente di tenere sotto controllo la produzione di sebo, e libera i pori da quello in eccesso e da altre impurità. Questa azione contribuisce a prevenire la diffusione dei foruncoli, ovviamente a condizione che l’estratto sia usato con regolarità. Mese dopo mese la tua cute apparirà sempre più liscia, luminosa e priva di imperfezioni.

3 – Acido glicolico e rughe

Un’altra curiosità sull’acido glicolico, che di certo farà piacere a tantissime donne, è connessa alle sue proprietà antiossidanti.

Tale ingrediente è impiegato per la realizzazione di creme antirughe, sia perché elimina le cellule morte sia per la sua capacità di rigenerare il materasso cutaneo. In aggiunta, presso i centri estetici vengono spesso programmati dei veri e propri trattamenti all’acido glicolico, che naturalmente richiedono la presenza di figure specializzate.

Questa sostanza, per così dire, “si muove” in una duplice direzione. Da un lato previene la formazione dei segni del tempo; dall’altro riduce quelli già esistenti, rendendoli meno evidenti.

4 – Un complice prezioso per attenuare le smagliature

Tra le più tipiche lesioni dell’epidermide non possiamo non menzionare le smagliature. Se ti stai domandando se l’acido glicolico sia efficace anche contro questo inestetismo, la risposta è sì!

Queste strie si creano nel momento in cui la nostra pelle si distende o si restringe rapidamente, per esempio se ingrassiamo o dimagriamo in maniera improvvisa. Ciò provoca la rottura del collagene e dell’elastina, a maggior ragione se la cute è secca o comunque poco elastica.

L’acido glicolico è un eccellente coadiuvante per combattere le smagliature, sempre per la sua azione rigenerante. Lo ribadiamo: per ottenere un buon risultato devi essere costante nell’uso!

5 – In quali frutti si trova l’acido glicolico?

Proprio all’inizio del nostro discorso abbiamo sottolineato che l’acido glicolico si ricava da alcuni frutti.

Tra i principali citiamo il melone, l’ananas e l’uva acerba. Inoltre questo acido si trova nella canna da zucchero, che probabilmente è una delle specie vegetali più utilizzate per l’estrazione. Un ingrediente, quindi, del tutto naturale!

6 – L’acido glicolico è adatto a tutti i tipi di pelle

Da quello che ti abbiamo raccontato finora avrai capito che l’acido glicolico è adeguato a qualunque tipologia di pelle.

È vero che regola la produzione di sebo ed è dunque indicato per la cute grassa; tuttavia è vero anche che ha proprietà idratanti, ideali per un’epidermide secca. Da questo dato emerge appieno la versatilità di tale elemento.

7 – I casi in cui il peeling all’acido glicolico è sconsigliato

Il peeling all’acido glicolico, quel trattamento che abbiamo nominato prima e che si svolge nei centri estetici, dovrebbe essere evitato in alcune circostanze.

Ad esempio, in gravidanza. Secondo alcuni medici una piccola percentuale di acido potrebbe penetrare nel torrente circolatorio; senza dimenticare che in questa fase la pelle è più sensibile, e corre il rischio di andare incontro ad arrossamenti e irritazioni.

Vi sono professionisti che sconsigliano la procedura nel corso dell’allattamento, o se si soffre di herpes recidivanti. Attenzione, ciò non significa non poter adoperare una crema o uno scrub che includono una piccola quantità di acido glicolico!

Più informazioni su