Quantcast

A Petronà vaccinato il 65 per cento della popolazione

Prosegue celermente la campagna di immunizzazione al Covid

Più informazioni su

Non conosce ostacoli né momenti di stasi la campagna di immunizzazione nel piccolo centro presilano. Anche qui la lotta al virus invisibile Covid-19 passa attraverso il contributo disinteressato di medici, infermieri, associazioni e volontari.

Anche ieri, sabato 22 maggio 2021, nel centro vaccinale allestito nei locali dell’ex asilo delle Piccole operaie del Sacro Cuore, messi a disposizione dei medici di medicina generale, i cittadini petronesi hanno ricevuto il vaccino anti Sars-Cov-2.

Fino a oggi, oltre 600 petronesi hanno ricevuto la prima somministrazione del siero, di questi circa un quarto hanno completato il ciclo con il richiamo.

Numeri che non mentono, numeri che testimoniano un impegno encomiabile di cittadini filantropi che si spendono per bene comune, per la salute pubblica. In altre parole, soggetti fragili e ultraottantenni prima, ultrasettantenni e ultrasessantenni poi, che non avevano ancora provveduto a prenotare la propria dose di vaccino presso gli Hub istituiti dalla Regione Calabria, sono stati immunizzati presso il proprio paese.

Mettendo insieme dati oggettivi e misurabili delle vaccinazioni avvenute presso gli Hub e quelle fatte nel centro petrosese, si può asserire che oltre il 65% della popolazione petronese, compresa quella della frazione Arietta, è stata immunizzata.

Non solo: sono stati accolti, presso il centro vaccinale di Petronà, anche cittadini dei vicini paesi di Cerva, Andali e Belcastro che sono assistiti dai medici di medicina generale di Petronà. Il tutto è stato ed è possibile anche grazie al folto gruppo di volontari che, in ogni tornata di immunizzazione , contribuisce, in modo disinteressato, alla buona riuscita delle operazioni, dalla convocazione, all’accoglienza con tanto di drive-in, alla vaccinazione.

Volontari che fanno parte delle varie associazioni già ben radicate a Petronà, come Avis, Carabinieri volontari, 4 x 4 off road, Sorella Natura, Passo dopo passo, le infermiere e gli infermieri, gli operatori socio-sanitari. Un’altra occasione per ribadire che l’unione fa la forza.

“Tutto il nostro gruppo vuole fare un grosso in bocca al lupo al maresciallo Carmine Suriano che sta vivendo un momento delicato e, in quest’ultima tornata, non è potuto essere presente fisicamente, ma ha fatto sentire la sua presenza nell’organizzazione del “suo” gruppo di volontari”, si legge in una nota congiunta dei volontari petronesi.

Tempi straordinari postulano gesti eccezionali: Petronà sa fare comunità con ammirevole senso civico, Petronà non gira la testa dall’altra parte aborrendo l’indifferenza.

Più informazioni su