Quantcast

Una nuova casa di accoglienza gestita da Fondazione Città Solidale Onlus

Inaugurata oggi a Settingiano Denominata Centro San Martino, come il patrono della cittadina alle porte di Catanzaro

Si è inaugurata oggi a Settingiano la nuova casa di accoglienza “Centro San Martino” (che prende il nome dal patrono della cittadina) che sarà gestita da Fondazione Città Solidale Onlus. La casa ospiterà Minori Stranieri non accompagnati e rientra nella progettualità FAMI (Fondo asilo migrazione e integrazione). Il progetto, di cui è titolare il Comune di Tirolo, verrà quindi ad inserirsi nei numerosi servizi di accoglienza ed integrazione che Fondazione Città Solidale sta portando avanti in favore dei migranti che insistono sul territorio della provincia catanzarese. A presiedere la breve liturgia prima dell’inaugurazione Mons. Gregorio Montillo, Vicario Generale dell’Arcidiocesi di Catanzaro-Squllace, che ha portato i saluti dell’Amministratore Apostolico, mons. A.R. Panzetta. Mons. Montillo ha sottolineato come la curia e la Chiesa catanzarese siano entusiaste di questa nuova iniziativa che vede la carità vissuta concretamente nei confronti degli ultimi, verso coloro che sono scappati dalle loro terre, proprio come fece Gesù per sfuggire alla prepotenza del tiranno di turno: «Una carità cristiana ed autentica che viene portata avanti da p. Piero Puglisi al quale tutti siamo grati». Presente all’iniziativa anche la dott.ssa Richichi, dirigente della Prefettura, che ha portato i saluti del Prefetto di Catanzaro ed ha sottolineato come “questi progetti siano preziosi per tutto il territorio di Catanzaro ed in generale della Calabria che si trova in questi anni ad affrontare emergenze legate all’accoglienza dei migranti che giungono sulle nostre coste e che molte volte vedono sbarcare proprio i minori.

Giovani e giovanissimi che hanno bisogno di entrare subito nei circuiti dell’accoglienza, al fine di poter offrire loro dei percorsi rivolti all’autonomia e all’integrazione”. E proprio sul concetto di integrazione che si è voluto soffermare il sindaco di Settingiano, comune dove è ubicata la casa di accoglienza San Martino, dott. Rodolfo Iozzo: «Oggi sono felice perché vedo rivivere questa struttura che, per diversi anni, ha visto crescere i piccoli abitanti di Settingiano. Ora riveste un’altra funzione, quella di accogliere i Minori Stranieri non accompagnati, ed in questo senso sono sicuro che la comunità di Settingiano sia aperta all’accoglienza e all’integrazione degli stessi per far vivere loro un’esperienza positiva e completa». Concetto, quello dell’accoglienza, che non può prescindere da quello dell’umanità, così come sottolineato dalla dott.ssa Paonessa Irene, Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Tiriolo, ente titolare del progetto, che ha, inoltre, ribadito come lo stesso Comune sia orgoglioso di aver intrapreso questa strada rivolta ai minori stranieri”. I comuni, quindi, fanno rete e diventano promotori dei valori del Terzo Settore e del Sociale, come sottolineato dal dott. Rosario Lostumbo, Assessore alle Politiche Sociali del comune di Catanzaro (comune capoambito): «Oggi sono felice di poter essere presente a questa inaugurazione, la mia esperienza di assessore è iniziata da poco ma devo dire che qualcosa si sta muovendo e stiamo iniziando a muovere i primi passi. Abbiamo ancora molto da fare ma, se svestiamo i panni di amministratori e ci immergiamo nei concetti di umanità propri del Terzo Settore, possiamo dare quel valore aggiunto a iniziative di questo tipo».

“Un progetto, quello della casa di accoglienza San Martino, che non può prescindere dal lavoro di rete sul territorio, sia con il mondo del Volontariato che con quello del Terzo Settore”, concetti questi ribaditi con forza sia dal presidente del CSV Calabria Centro Guglielmo Merazzi che da Beppe Apostoliti, presidente del Forum Terzo Settore Catanzaro-Soverato. “Tale rete non può prescindere da un ruolo centrale che può rivestire la parrocchia in ogni luogo dove è presente un progetto di accoglienza”, concetto abbracciato dal parroco di Settingiano, don Giuseppe Biamonte, che ha voluto specificare come sia fondamentale seminare il bene, anche se magari il frutto sarà raccolto dopo tanti sacrifici e dopo aver versato qualche lacrima. A precedere il taglio del nastro da parte della dott.ssa Richichi e della dott.ssa Paone, le parole del presidente di Fondazione Città Solidale, p. Piero Puglisi che ha voluto mettere in luce l’impegno costante della Fondazione a favore degli ultimi, con un approccio sempre di alto profilo professionale nel gestire l’accoglienza ma, soprattutto, nel favorire l’integrazione autentica sul territorio.

Prima di chiudere la mattinata, tutti gli ospiti hanno visitato la struttura, completamente rinnovata e resa accogliente e “calda”, e dopo hanno condiviso un momento di convivialità e di augurio per suggellare l’ennesimo passo in avanti che il territorio della provincia di Catanzaro ha fatto nell’accoglienza dei tanti minori che, ormai, quotidianamente, giungono sulle nostre coste. La Calabria, oggi, ha aggiunto un nuovo tassello di umanità e di fraternità che la rende, ancora di più, terra accogliente.