Quantcast

L’Università Magna Graecia di Catanzaro incontra AIRC

Presente da Federico Calligaris-Cappio, direttore scientifico dell'Associazione Italiana per la lotta contro il cancro

Più informazioni su

    Lucida e ampia la visione sul futuro della ricerca oncologica, quella che ha presentato Federico Calligaris-Cappio, direttore scientifico dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC), a studenti, ricercatori e oncologi dell’Ateneo catanzarese alla presenza della Dott.ssa Rosella Pellegrini Serra, Presidente del Comitato Regionale AIRC e di numerosi altri qualificati partecipanti.

    L’incontro è stato introdotto da Pierfrancesco Tassone, docente di oncologia medica dell’UMG, che ha sottolineato il ruolo essenziale di AIRC per la conquista di traguardi ambiziosi nella ricerca scientifica nel nostro Paese e come, a Catanzaro, la ricerca AIRC abbia condotto a risultati di interesse per la comunità scientifica internazionale. Dopo i saluti istituzionali del  Agostino Gnasso, Presidente della Scuola di Medicina e Chirurgia, e del  Giuseppe Viglietto, Direttore del Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica, che ha ribadito l’importanza di AIRC per la ricerca oncologica del nostro Ateneo,  Calligaris-Cappio ha focalizzato l’interesse dei partecipanti sulle strategie terapeutiche emergenti, quali l’immunoterapia e le terapie a target molecolare, che hanno significativamente implementato l’offerta terapeutica per molti pazienti oncologici.

     Calligaris-Cappio ha inoltre delineato le future strategie di AIRC per il potenziamento della ricerca oncologica italiana nei prossimi anni e ha discusso con gli studenti e i giovani ricercatori che, con grande entusiasmo, hanno posto quesiti rilevanti sulle modalità per intraprendere un percorso professionale nella ricerca oncologica. In particolare, infatti, è emerso dagli studenti un forte interesse nella figura del medico-ricercatore capace di curare i pazienti e allo stesso tempo di perseguire obiettivi di ricerca pre-clinica e clinica, partecipando attivamente allo sviluppo di nuove tecnologie e/o nuovi farmaci.

    Una mattinata emozionante per studenti e docenti, un forte messaggio di speranza per i pazienti oncologici nelle nuove opportunità emergenti dalla ricerca ed un rinnovato impegno di AIRC nel percorso virtuoso per la crescita scientifica che la caratterizza ormai da molti anni.

    Più informazioni su