Gli studenti del Liceo Siciliani riscoprono l’arte di Mattia Preti

Visita alla mostra internazionale dedicata al Cavalier Calabrese e allestita a Taverna 

Più informazioni su


     

    Full immersion nell’arte, nella storia, nella fede per gli alunni del Liceo Scientifico Luigi Siciliani di Catanzaro che nella giornata di ieri, previa proposta di alcuni docenti e in seguito alle direttive della Dirigente scolastica Silvana Afeltra, sensibile e attenta ad ogni proposta culturale del territorio come ampliamento dell’offerta formativa per i giovani dell’Istituto, si sono recati a Taverna. Ai ragazzi, accompagnati dai docenti di Storia dell’Arte, Antonio Stirparo, Francesca Zolea e dall’insegnante di Religione Cattolica Caterina Posella, si è presentata l’eccezionale produzione pittorica dell’illustre cittadino calabrese in 50 opere e tanti altri capolavori realizzati in quel periodo e già presenti nelle Chiese locali. All’interno del Museo come omaggio a Mattia Preti si può ammirare anche la riproduzione in oro e bronzo delle opere principali del Cavaliere da parte dell’orafo calabrese Gerardo Sacco.

    Le tele pretiane  provengono in gran parte da Malta, ma anche dai musei di tutta Europa in occasione delle celebrazioni per il IV Centenario della nascita del Cavalier Calabrese e nell’ambito del progetto “Lux Fides: Arte alla luce-­luce alla Fede”, programmato dal Comune di Taverna in collaborazione con la Repubblica di Malta. Le classi interessate 4/A, 4/B e 4/C, che tra l’altro hanno ricevuto l’encomio per l’attenzione e lo zelo dimostrato dalle preparatissime guide dei Servizi Integrati del Museo, Beatrice Marano e Katia Passante, sono state coinvolte in un percorso didattico che partendo dalla bellissima Chiesa di S. Domenico e spostandosi all’adiacente Museo Civico li ha visti arrivare, con una piacevole passeggiata, alla più alta Chiesa francescana di  S. Barbara bisognosa di ristrutturazione ma non certo di opere artistiche degne dei precedenti itinerari (i ragazzi ricorderanno senz’altro a questo proposito I Paliotti in scagliola di marmo,Il Battesimo di Cristo,La presentazione di Gesù al tempio).

    “L’evento oltre a rappresentare una vetrina internazionale per la cittadina presilana, ricca di opere d’arte anche perché ex sede vescovile – racconta la docente Caterina Posello – mette in luce la profonda fede e l’ umanità di un grande pittore calabrese, Mattia Preti che ha saputo divulgare nelle principali corti europee i temi cristiani attraverso la sua indiscutibile arte. I  ragazzi del Liceo Scientifico “L. Siciliani” hanno dimostrato di apprezzare e cogliere il significato dell’evento culturale in corso apprendendo le note biografiche del Cavalier Calabrese, ammirando con interesse la ricca produzione artistica del nostro autore, approfondendo con  docenti e guide i significati dei simboli iconografici presenti nei suoi capolavori che avevano il chiaro scopo di veicolare la fede, contrastare le eresie, istruire il popolo. I ragazzi hanno anche discusso su  alternative chiavi di interpretazione dei dipinti, segno di un profondo coinvolgimento didattico in  una giornata vissuta all’insegna dell’amore per la conoscenza fruibile in ogni sua sfaccettatura”.

    Più informazioni su