Travel game in Spagna per i ragazzi dell’Itas Chimirri

L'entusiasmo del dirigente Teresa Rizzo e dei ragazzi

Più informazioni su


    Quest’anno nel viaggio d’istruzione in Spagna avrà un riconoscimento la parola “istruzione” in quanto per la prima volta i nostri studenti potranno essere protagonisti di un evento, il Travel game, che li mette in gioco con attività didattiche e multimediali fortemente socializzanti non trascurando le visite guidate a musei e nuove città. Il dirigente scolastico Teresa Rizzo dell’Itas Bruno Chimirri di Catanzaro ha accolto con entusiasmo la nuova formula di viaggio Travel game on board promossa dall’associazione la Movida in collaborazione con Planet Multimedia e la Grimaldi Tour operator che si svolgerà tra il 16 e il 21 aprile a bordo della nave Cruise Roma che vedrà la partecipazione di numerose scuole italiane. L’I.T.A.S. “B. Chimirri” di Catanzaro – erede di una lunghissima tradizione di specializzazione e competenza tecnica nel novero delle scuole cittadine – mantenendo una considerevole capacità ed un ruolo di prestigio nell’ambito della formazione basata sulla didattica laboratoriale, si connoterà per la sua capacità di coinvolgimento degli alunni e per essere in grado di suscitare in loro interesse e motivazione: in gran parte delle discipline che caratterizzano i diversi indirizzi gli alunni saranno portati ad apprendere in modo pratico, realizzando esperienze scientifiche in modo autonomo, usando lo spazio, gli strumenti ed i sussidi dei laboratori ed ampliando così le loro conoscenze teoriche. Siamo convinti che ogni tipo di offerta formativa debba avere come scopo specifico la formazione della persona nella sua interezza e poliedricità e pertanto, il nostro Istituto nella sua peculiare connotazione si propone di offrire itinerari didattici ed educativi utili e innovativi. Abbiamo fatto un passo avanti anche nel settore dei viaggi d’istruzione in quanto il Travel game è una particolare formula che propone attività didattiche specifiche e il confronto con altre scuole avvicinando gli studenti alle nuove tecnologie proprio durante un viaggio. Si svolgeranno infatti durante il traghettamento verso Barcellona delle attività specifiche di laboratori multimediali in cui i ragazzi potranno cimentarsi nelle loro competenze. Verrà simulata una terza prova d’esame su singole tematiche, i risultati di essa verranno subito resi noti agli allievi con il relativo punteggio. Gli studenti sfideranno i loro coetanei provenienti da altre scuole così che cresca in loro il senso di appartenenza al proprio gruppo ma allo stesso tempo la voglia di conoscere altre scuole e socializzare con i presenti nei sei giorni di viaggio a bordo. E’ previsto uno spettacolo in cui i ragazzi di tutti gli istituti presenti si metteranno alla prova con prove pratiche di abilità avendo i loro compagni e docenti come sostenitori. Sarà allestita una performance in cui i nostri allievi saranno primi attori e parteciperanno con i giochi allestiti dallo “scienziato pazzo” e la magia della chimica e della biologia pertinenti al programma svolto durante l’anno scolastico alla kermesse in nave. Gli studenti più meritevoli saranno omaggiati con diversi premi tra i quali i libri del noto editore Florindo Rubettino, da sempre vicino al mondo della scuola che ha sposato l’iniziativa Travel game on board. “Il legame tra libri e navi è molto stretto, non solo per via dei tanti libri che raccontano di avventure per mare (uno fra tutti, “Moby Dick”) ma anche perché le navi consentono di mettere in collegamento paesi lontani, riescono a farci superare le distanze e superano la paura dell’ignoto, di quello che c’è al di là del mare. Anche gli aerei in fondo fanno la stessa cosa, ma l’aereo annulla immediatamente le distanze e così facendo annulla il viaggio che è scoperta. Il tempo lento della nave è come quello della lettura che ha bisogno di tempi maggiori per arrivare al dunque ma durante il viaggio ci fa scoprire dettagli e aspetti che forse non avevamo considerato e ci consente di pensare a lungo alla meta e al percorso per raggiungerla”. Tre giorni saranno dedicati alla visita di Barcellona, Figueras e Girona e al museo Dalì a bordo degli attrezzati bus di Serratore con la guida che saprà soddisfare tutte le curiosità degli studenti sui capolavori artistici e architettonici che visiteranno.

    Più informazioni su