Quantcast

Al liceo ‘De Nobili’ va in scena ‘L’Orlando…nervoso’

Si è concluso questa mattina il progetto 'Fiaba in Movimento - la scuola verso il sociale' dell’Istituto 'De Nobili' di Catanzaro


L’Istituto “De Nobili” di Catanzaro, guidato dalla Dirigente Susanna Mustari, ha concluso l’anno scolastico con la manifestazione finale del progetto “Fiaba in Movimento”, giunto alla sua diciassettesima edizione,  ideato da una sempre esuberante ed energica professoressa Brunella Badolato. La manifestazione, che si è tenuta presso l’Auditorium Casalinuovo della città,  ha presentato una parodia  del celeberrimo poema ariostesco “L’Orlando Furioso”, riadattato e scherzosamente rinominato “L’Orlando … Nervoso!”.

Tra musica, canti, balli e battute, frizzanti, i ragazzi del Liceo “De Nobili” , circa cinquanta, hanno ripercorso la storia di Orlando e della sua pazzia  attraverso un viaggio magicomico e divertente. Mister Ariosto, impersonato dall’alunno Francesco Battaglia, rappresentante d’Istituto, è stato affiancato da una moglie alquanto petulante, Alessandra, che, insieme a tanti altri personaggi, hanno offerto ad un folto pubblico le avventure dei paladini di Carlo Magno, in maniera originale e in chiave moderna, rimarcando pur sempre i tratti salienti del poema originale. “ E’ stato un momento davvero bello, che corona la fine di questo anno scolastico- ha detto la dott.ssa  Mustari, visibilmente entusiasta oltre che emozionata-; tante volte  dovremmo tornare   tutti noi sulla luna per riprenderci tutte quelle virtù  e quei beni preziosi smarriti  che, talvolta, nel turbinio della quotidianità, dimentichiamo di avere  nei cassetti del nostro animo. e nel fondo. I ragazzi hanno offerto il loro impegno, i loro sacrifici  per ottenere questi risultati; dietro  questo entusiasmo c’è stato davvero tanto impegno costante, e oggi i ragazzi raccolgono il meritato successo”.

Mister Ariosto, alias Francesco Battaglia, alunno in uscita che tra pochi giorni siederà tra i banchi di scuola per affrontare il tanto temuto Esame di Stato, nel presentare lo spettacolo di cui lui stesso è stato partecipe, ha voluto ribadire l’importanza del teatro nella vita dei giovani di oggi, soprattutto se fatto a scuola ,  anche alla luce della sua decennale esperienze nel mondo del teatro. “ L’idea che io ho del teatro è che esso aiuti a vivere  meglio, perché su un palco si superano tutte le paure, tutte le vergogne e, soprattutto, il teatro ci insegna  a condividere le emozioni con gli altri compagni di  avventura  e ci insegna a vivere positivamente in un  mondo malfidato e ingannevole, ove “ fidarsi è bene non fidarsi è meglio”, perché sul palcoscenico tutti abbiamo lo stesso obiettivo: portare a casa lo spettacolo.”
Gli organizzatori ringraziano l’Assessorato alla Cultura del Comune di Catanzaro per la concessione dell’Auditorium Casalinuovo.