Geometri e futuro, siglato protocollo d’intesa

Siglato tra il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Catanzaro, l’ I.I.S. “Petrucci Ferraris Maresca” e il Comune

Il Collegio dei Geometrie Geometri Laureati della Provincia di Catanzaro intende coadiuvare, interagire e supportare il corpo docenti con esperienze e con interventi su tematiche operative altamente professionalizzanti al fine di approfondire, implementare, aggiornare il percorso didattico curricolare dei futuri geometri e prepararli quindi, in modo più adeguato, al tirocinio professionalizzante prima che alla professione poi“.
Con questo obiettivo è stato siglato il protocollo d’intesa tra il Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Catanzaro, l’ I.I.S. “Petrucci Ferraris Maresca” e il Comune di Catanzaro al quale hanno partecipato:
Elisabetta Zaccone D.S. dell’Istituto;
Concetta CARROZZA Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Catanzaro;
Ferdinando CHILLA’Presidentedel Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della provincia di Catanzaro;
Roberto MARULLO docente dello stesso Istituto e geometra.
Alla base dell intesa siglata la volontà dei professionisti catanzaresi di confrontarsi con le istituzioni scolastiche e mettere a disposizione le proprie risorse umane, professionali, operative ed economiche al fine di individuare, organizzare ed espletare gli interventi e agli obiettivi prefissati.
Promuovere la figura del Geometra perché questa si riconosca nel territorio avviando una collaborazione che risponda maggiormente alle esigenze del mondo del lavoro creando presso l’Istituto Tecnico Tecnologico ad indirizzo Costruzioni Ambiente Territorio “R. Petrucci” un laboratorio di idee incentrato sullo studio di soluzioni progettuali nel campo della riqualificazione de aree urbane degradate e di immobili dismessi di proprietà comunale, scuole in disuso, ex mattatoi, ex mercati, ex aree produttive etc.
Dando luogo ad una collaborazione tecnica per l’aggiornamento planimetrico degli edifici scolastici di proprietà dell’Amministrazione Comunale, attraverso rilievi e restituzioni grafiche in formato vettoriale (autocad).
A questo si accostano, secondo quanto previsto dal documento,
iniziative di formazione e la costituzione di un comitato
tecnico scientifico paritetico composto da un rappresentante appartenente a ognuna delle istituzioni firmatarie, che si riunirà almeno 3 volte all’anno, con il compito di:
– redigere un piano comune (annuale o poliennale) di attività e di strategia operativa;
– organizzare corsi di formazione integrata ed alternanza scuola lavoro, da svolgere nelle classi III IV e V, utilizzando a tale fine la quota oraria del 20% del monte ore complessivo;
– individuare le risorse utilizzabili nelle varie azioni previste;
– supervisionare e valutare l’andamento e risultati delle azioni intraprese.