Cambiavento, sopralluogo nelle scuole: “Manca un referente covid individuato dall’Asp”

La scuola è il luogo dove i bambini crescono e fanno comunità, è il luogo dove si formano le nuove generazioni

Questa mattina una delegazione del movimento civico “Cambiavento”, guidata da Nicola Fiorita insieme a Gianmichele Bosco, Nunzio Belcaro e Vincenzo De Sarro, ha effettuato un sopralluogo in diversi istituti scolastici su tutto il territorio della città di Catanzaro. L’obiettivo della visita di Cambiavento – si legge in un comunicato stampa – è stato quello di portare un segnale di vicinanza e di attenzione alla comunità scolastica che, con grande impegno e dedizione, sta lavorando, gettando il cuore oltre l’ostacolo, per prepararsi ad una sfida che è oggettivamente difficile e complicata: il ritorno tra i banchi in sicurezza, nel rispetto delle normative anti contagio.

Per Cambiavento la scuola è il luogo dove i bambini crescono e fanno comunità, è il luogo dove si formano le nuove generazioni. L’attenzione che la politica, a tutti i livelli, investe nella scuola dà la misura di una società che aspira a rappresentarsi come moderna ed evoluta ma, evidentemente, per l’amministrazione guidata da Sergio Abramo la scuola non rappresenta una priorità. Lo dimostra l’approssimazione con la quale si è giunti ad un rinvio deciso colpevolmente solo poche ore prima dell’inizio delle lezioni. Nonostante gli ingenti fondi stanziati dal Governo per le scuole già alla fine di luglio, e  nonostante le recenti risorse, pari a 70 milioni, stanziate con il Decreto Agosto, il Comune di Catanzaro ha avviato i lavori di adeguamento strutturale in ritardo: in alcuni istituti alla fine di agosto, nella maggior parte delle scuole del capoluogo solo a settembre.

Tra le tante criticità che sono state riscontrate dai rappresentanti del movimento civico a seguito del sopralluogo,  spicca la mancata individuazione da parte dell’Asp di un “referente Covid” in ogni istituto scolastico, un passaggio necessario per imprimere maggiore sicurezza in tutto il personale che vive ed esercita nelle scuole.

L’impegno di Cambiavento, nei prossimi mesi, sarà quello di stare accanto a dirigenti scolasti, docenti, personale Ata, studenti e famiglie affinché le difficoltà che sicuramente si determineranno vengano affrontate con urgenza e determinazione e con quella programmazione che è fio ad ora è risultata “assente” da parte della politica cittadina.