Sindaco di Sellia Marina: “Su mancanza aule scuola infanzia Granato dice il falso”

Francesco Mauro:_resto incredulo e allibito Come può una Senatrice della Repubblica fare dichiarazioni senza conoscere fatti e circostanze"

Dura risposta del sindaco Sellia Marina Francesco Mauro alla senatrice Bianca Laura Granato che in un comunicato lo chiamava in causa per l’assenza di aule nella scuola dell’infanzia della cittadina del Catanzarese.

Resto incredulo e allibito – scrive Mauro- Come può una Senatrice della Repubblica fare dichiarazioni senza conoscere fatti e circostanze. Visto che è di Catanzaro, sarebbe stato sufficiente fare un sopralluogo per rendersi conto della effettiva realtà della Scuola di Sellia Marina. O, quantomeno, chiedere informazioni a chi di competenza.

 

La verità è che, in questi mesi, Sindaci e Comuni sono stati praticamente lasciati soli a se stessi per garantire l’apertura della scuola in presenza.

 

La Senatrice Granato, meglio avrebbe fatto, invece, a riconoscere, con umiltà, gli errori di programmazione del Ministero dell’Istruzione: i tempi di consegna dei banchi, l’assenza dell’organico necessario per il funzionamento scolastico, l’acquisto delle strutture modulari delle aule tanto proclamate ecc.

 

Con questo atteggiamento di attaccare i Sindaci, ritengo che la Senatrice non faccia un buon servizio Istituzionale ed altresì, credo mette in difficoltà anche la stessa Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina alla quale va comunque riconosciuto l’impegno personale profuso per far ripartire le scuole, nonostante le molteplici difficoltà e criticità che, i Sindaci per primi, hanno compreso e si sono comportati con conseguente senso di responsabilità e collaborazione!

Ricordo alla Senatrice Granato che, se non fossero state attuate le iniziative intraprese dal Sottoscritto, tra l’altro assumendosi grosse responsabilità, la scuola a Sellia Marina non sarebbe potuta ripartire in sicurezza.

Grazie alle iniziative intraprese dal Sottoscritto e dall’Amministrazione Comunale oggi, a Sellia Marina, circa 700 studenti frequentano le Scuole in presenza e in sicurezza. Il sottoscritto, quindi, non ha cercato affatto “visibilità” come sostenuto dalla Senatrice e, pertanto, reputo ingiuste le accuse rivoltemi, proprio perché Ella dimostra di non conoscere la realtà dei fatti.

Evidentemente, la Senatrice lancia una strategica fake news per attaccare il sottoscritto, con l’intento sia di ritagliarsi un momento di notorietà sia per coprire responsabilità di cui Ella invece dovrebbe dare conto ai Sindaci ed ai Comuni! Dice il falso, infatti, quando afferma che “mancano aule alla scuola dell’Infanzia di Sellia Marina”.

A tal proposito, rassicuro la Senatrice che le aule ci sono e, per come comunicato al neo Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo, sono adeguatamente dimensionate per ospitare i bambini della prima Infanzia. Pertanto, come già richiesto, auspico che il Preside dia al più presto la possibilità della frequenza anche agli 11 bambini della prima infanzia anche nel plesso di Calabricata a meno che non ci siano problematiche diverse cui il Sottoscritto non è a conoscenza.

Rispetto dunque anche per il lavoro che, in questi giorni, sta facendo il nostro Preside, anch’egli costantemente impegnato a superare le criticità dettate da questo particolare periodo di pandemia!

Piuttosto la senatrice avrebbe fatto meglio se si fosse resa parte diligente, per assicurare l’organico del personale richiesto dall’Istituto Comprensivo, se avesse fatto arrivare i banchi monoposto per tempo (almeno entro il 15 settembre), se avesse assicurato la fornitura delle strutture modulari per le aule, ecc..

Invece, nulla di tutto questo! La Senatrice in questi mesi si è limitata a chiedere al Comune solamente se sono stati spesi gli “ingenti” fondi del Ministero che, udite udite, per Sellia Marina ammontano a € 28.000 circa per mettere in sicurezza oltre 40 aule!

Con questo ingente contributo, assegnato a Sellia Marina ed a tanti altri comuni, i Sindaci avrebbero dovuto assicurare l’apertura delle scuole in sicurezza.

Ritengo che la Senatrice Granato, prima di fare facili dichiarazioni ed accusare ingiustamente un Sindaco, proprio per il ruolo che Ella riveste, ha il dovere Istituzionale di accertare i fatti e dire la verità ai Cittadini, anche perché il tempo delle fake news è finito!

Tempo delle fake news che, purtroppo, ha fatto la fortuna di tanti e non certamente di Sindaci e Amministratori che, quotidianamente, giorno e notte, sono impegnati a trovare soluzioni ai propri Cittadini e dare un servizio allo Stato, specialmente in questo momento di emergenza sanitaria da covid-19!

Auspico, pertanto, che la Senatrice Granato faccia al più presto chiarezza, proprio per l’importante ruolo Istituzionale che riveste”.