Problema scuola Mattia Preti: “Prosegue dialogo con enti preposti, no strumentalizzazioni”

Dai genitori membri del Consiglio d'Istituto critiche al consigliere Costanzo: "Confidiamo in prosecuzione iniziativa già intraprese"

Più informazioni su

“Quali membri ( genitori ) del consiglio dell’I.C. Mattia Preti – si legge in una nota stampa da loro inviata – a riscontro della nota pubblicata a firma del sig. Sergio Costanzo, teniamo a specificare quanto segue.
Le dichiarazioni del consigliere Costanzo appaiono strumentali al raggiungimento di finalità del tutto diverse rispetto all’interesse degli alunni frequentanti l’Istituto.

Non è in alcun modo vero, infatti, che la dirigente si sarebbe “irrigidita”: non possiamo che rimarcare, infatti, l’impegno dell’intero Consiglio per trovare, pur nell’ambito di un’accesa discussione, una soluzione alla dislocazione dei ragazzi. D’altro canto, proprio in seno al Consiglio di cui parla il sig. Costanzo, è stata trovata una sistemazione per gli alunni della scuola secondaria di primo grado i quali, altrimenti, avrebbero avuto delle enormi difficoltà anche solo a frequentare con assiduità la scuola.

E ciò è stato possibile anche grazie alla disponibilità del Comune, che ha messo a disposizione diverse aule del plesso scolastico del Corvo oltre che altri locali per sistemare i bambini di alcune classi della scuola dell’Infanzia.
E proprio a proposito del Comune, non possiamo che rimarcare la disponibilità di molti tecnici e politici ( anche dell’Assessore Longo, tanto vituperato nell’articolo in questione ) a trovare altre soluzioni per la sistemazione dei bambini della scuola primaria che ancora sono costretti a turnare.

Continua, infatti, proprio in queste ore, il dialogo con gli Enti preposti rivolto a risolvere quello che certamente rimane un problema che necessita di una soluzione nel più breve tempo possibile.
Confidiamo, dunque, nella prosecuzione delle iniziative già intraprese per permettere ai nostri bambini di poter continuare con la necessaria e dovuta serenità il loro percorso scolastico

Più informazioni su