Quantcast

Il Polo didattico Convitto “Galluppi” protagonista della “Rosadigitale Week”

L’iniziativa ha l’obiettivo di sensibilizzare genitori, anziani, ragazzi, donne, uomini, bambini, insegnanti e imprenditori alle pari opportunità di genere

In tutta Italia e all’estero, durante lo scorso mese di marzo, si è svolta la sesta edizione della “Rosadigitale Week”, in occasione della giornata internazionale della donna.

Organizzata da “Rosadigitale, movimento nazionale senza scopo di lucro per le pari opportunità di genere in ambito tecnologico, è una manifestazione nata come viaggio iniziatico verso l’uguaglianza di genere in tutti i settori della tecnologia.

L’iniziativa ha l’obiettivo di sensibilizzare genitori, anziani, ragazzi, donne, uomini, bambini, insegnanti e imprenditori alle pari opportunità di genere attraverso l’informazione, come racconta il motto del movimento: “The conquest is information”.

Il Polo didattico Convitto “Galluppi” – Catanzaro Centro, diretto dalla dottoressa Stefania Cinzia Scozzafava, ha partecipato anche quest’anno all’appuntamento con una serie di iniziative coordinate dalla professoressa Amalia Scalise. Nel corso dell’intero mese diverse sono state le riflessioni proposte agli alunni della scuola primaria (plesso Piano Casa) e della scuola secondaria di I grado. Sono state ricordate le conquiste sociali delle grandi donne che hanno lasciato il segno e di altre che tuttora cooperano attivamente per la società rendendola più innovativa. Tanti gli eventi divulgativi e pratici, online e dal vivo, riguardanti tutti i settori tecnologici, tra cui: la programmazione, il web marketing, la robotica, l’elettronica, graphic e web design, il giornalismo online, digital painting e fotografia digitale.

Tutti le copertine dei lavori – ben 27 – sono state raggruppate in tre locandine dopo essere stati illustrati dagli allievi nelle proprie classi con il supporto di tutti gli insegnanti coinvolti.

“E’ stato un lavoro encomiabile quello portato avanti da molti docenti della scuola – ha commentato la dirigente Scozzafava – perché sfruttando le nuove tecnologie si è consentito ai nostri alunni di conoscere e apprezzare il ruolo che la donna ha svolto in ogni epoca. Il coinvolgimento è stato entusiastico e i prodotti realizzati di grande qualità. Siamo convinti che sia necessario continuare quest’opera di sensibilizzazione e di conoscenza: solo così – ha concluso – garantiremo pari opportunità di genere in ogni settore della nostra società”.