Quantcast

Via libera a un educatore in aula per Simonluca, il consigliere comunale Mannino: è un sì a inclusione scolastica

Si risolve positivamente il caso del bambino autistico che non era stato autorizzato ad avere in classe un terapista

Più informazioni su

    Colgo con grande soddisfazione – scrive il consigliere comunale di Soverato Giacomo Mannino- la notizia secondo la quale la Dirigente dell’I.C. Soverato 1 ha accolto l’istanza dei genitori di Simonluca tesa ad ottenere la presenza in classe di un educatore privato, a costo zero per l’istituzione scolastica ed a totale carico della famiglia.

    Il compito dell’educatore è essenziale perché consiste nell’insegnare, al nostro cittadino “speciale”, un sistema di comunicazione attraverso le immagini degli oggetti a lui noti affinché possa esprimere i propri bisogni che, allo stato attuale, non riesce ad esternare con il linguaggio.
    Sono certo che l’intervento assistenziale rappresenterà un’importante occasione di arricchimento anche per gli altri compagni di scuola che impareranno ad approcciarsi ad un mondo speciale.

    A tal proposito desidero esternare il mio plauso ai genitori degli alunni della Sezione 2^ B della Scuola dell’Infanzia di Padre Pio che con la loro solidarietà e con il loro cuore hanno agevolato la soluzione di tale problematica.
    Una vittoria morale, etica e sociale che è da ascrivere alla mamma Irene assistita dall’Avvocato Eliana Corapi.
    Una vicenda dove Soverato, ancora una volta, ha dimostrato di essere una comunità unita, salda nei suoi valori, sobria ma decisa nel manifestare con le centinaia di manifesti “#iostoconsimonluca” la propria solidarietà verso il cittadino speciale di appena 5 anni.

    Il Consiglio Comunale di Soverato, a tale sentimento, non poteva che rispondere con il cuore e con fermezza, senza ma e senza se.
    Alla mia richiesta di intervento della Conferenza dei Capi Gruppo è seguito il Consiglio Comunale straordinario del 3 maggio, dove tutti i Consiglieri comunali di Soverato, non solo hanno espresso piena solidarietà al piccolo, invitando gli organi preposti ad agire immediatamente allo scopo di consentire l’accoglimento della richiesta assistenziale formulata, ma, hanno posto le basi affinché tali casi, per il tratto a venire, non accadano più.

    La città, le famiglie dei bambini speciali, da oggi in poi, avranno, nel punto di ascolto deliberato dal Consiglio Comunale all’unanimità, uno strumento che darà loro la voce ed il sostegno necessario per il vero riconoscimento della diversità come un valore aggiunto e della differenza come un risorsa.
    Il Consiglio Comunale del 3 maggio sarà ricordato come il Consiglio Comunale del SI all’inclusione scolastica, del SI ai diritti dei cittadini speciali!
    Il merito di tutto quello che è successo ed il mio personale ringraziamento va a te Simonluca”.

    Più informazioni su