Quantcast

Ic Casalinuovo-Catanzaro Sud vince premio nazionale. Assessore Concetta Carrozza: “Orgogliosa”

La secondaria di primo grado della Casalinuovo è stata insignita di un premio speciale sulla storia di un inno. La motivazione

Più informazioni su

    “Sono profondamente orgogliosa del premio nazionale ricevuto dalla scuola secondaria di primo grado dell’Istituto comprensivo Casalinuovo-Catanzaro sud”.

    Lo ha affermato l’assessore alla Pubblica istruzione Concetta Carrozza, che è stata anche l’ambasciatrice calabrese del progetto-concorso nazionale “Nel nome del rispetto” al quale hanno partecipato 7.850 studenti provenienti da scuole, anche superiori, università e istituti di pena minorili di tutta Italia.

    La secondaria di primo grado della Casalinuovo è stata insignita di un premio speciale sulla storia di un inno con la seguente motivazione: “In questo bellissimo stivale verde che è l’Italia siamo tutti fratelli, dal nord al sud. Le riflessioni che precedono l’esecuzione dell’inno infondono un reale attaccamento alla patria e un profondo senso civico”.

    Le correzioni degli elaborati sono state fatte in maniera incrociata fra le diverse regioni. Per la Calabria, l’ambasciatrice Concetta Carrozza ha indicato come giurato l’avvocato Adele Manno, che ha corretto i progetti dei partecipanti altre regioni.

    L’adesione al concorso è stata voluta dalla dirigente scolastica Maria Riccio, il progetto è stato realizzato dal gruppo di lavoro costituito dalla docente Pamela Stranieri, che ha curato l’aspetto storico, dalle docenti Morena Amoroso, Barbara Sacco e Ylenia Giampà, che ha coordinato il coro scolastico “Arcobaleno”, e dalle docenti di strumento Vanessa Lomanno, Mariangelica Mottola di Amato, Daniela Mirabelli e Patrizia Procopio, che hanno preparato e diretto l’orchestra “Le verdi note”; il testo è stato recitato da Mariafrancesca Di Marco.

    “L’istituto comprensivo ha scelto le parole più belle dell’inno nazionale ideando un testo poetico in cui sono state inserite citazioni di alcune note canzoni popolari e patriottiche e di importanti avvenimenti del Risorgimento, delle Guerre mondiali e della lotta di Liberazione. La storia del Paese insegnata attraverso questi strumenti che solo apparentemente sono ludico-ricreativi – ha sottolineato Carrozza – aiutano ad accrescere fra i nostri alunni la consapevolezza del proprio passato e delle proprie radici rafforzando, inoltre, la consapevolezza di essere cittadini attivi. Quanto fatto dalla Casalinuovo, dalla dirigente così come dalle docenti e dagli alunni che si sono impegnati giorno dopo giorno, merita senz’altro un applauso”

    Più informazioni su