Quantcast

Maltempo, allerta rossa anche domani. Comune Catanzaro proroga la chiusura delle scuole

Provvedimento disposto anche in molti comuni della provincia

Più informazioni su

    Un’altra giornata meteorologicamente rossa a Catanzaro e nel Catanzarese quella di domani. La Protezione Civile ha emanato infatti poco fa un avviso che proroga la massima allerta sino alle ore 24 di domani nella zona 7 della Calabria, quella in cui viene inserite la costa jonica catanzarese e gran parte della provincia. Il Comune ha predisposto un’ordinanza ad hoc la 6109 che prevede la proroga della chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado del territorio di Catanzaro anche per la giornata di domani. Provvedimenti analoghi in provincia e in particolare a Soverato, Cardinale, Chiaravalle, San Vito, Olivadi, Argusto, Cropani Borgia, Girifalco, Amaroni, Taverna ma la proroga riferita agli stessi comuni che avevano previsto la chiusura per la giornata di oggi dovrebbe arrivare a breve.

    L’ordinanza del Comune di Catanzaro:La Protezione civile regionale ha diramato un nuovo bollettino di allerta meteo rossa valida per l’intera giornata di domani, martedì 26 ottobre. Il sindaco Sergio Abramo ha pertanto firmato una nuova ordinanza che dispone la chiusura di tutti gli istituti scolastici di ogni ordine e grado – compresi i servizi educativi per l’infanzia e per la scuola dell’infanzia pubblici e privati, asili nido pubblici e privati e ludoteche, attività scolastiche ed extrascolastiche – e degli impianti sportivi della città.

    Il provvedimento si è reso necessario, in via precauzionale e per l’elevata criticità, in previsione del persistere di precipitazioni intense a prevalente carattere di rovescio o temporale, venti forti e mareggiate lungo le coste esposte. Situazioni che potrebbero comportare rilevanti problematiche connesse alle difficoltà di spostamento con mezzi pubblici e privati.

    Su disposizione del primo cittadino è attivo il Coc, Centro operativo comunale, che sta monitorando costantemente la situazione ed è pronto ad adottare ogni misura necessaria per affrontare eventuali rischi e pericoli a tutela della pubblica incolumità.

    Si rinnova la raccomandazione a non mettersi in viaggio se non strettamente necessario; a evitare i sottopassi; ad abbandonare i piani seminterrati o interrati se ubicati in zone depresse o a ridosso di fiumi, torrenti tombati; a non sostare in prossimità di aree con versanti acclivi che potrebbero dare origine a colate rapide di fango e crolli di massi.

    Più informazioni su