Quantcast

Il catanzarese Zangari organizza un convegno all’Università Ca Foscari di Venezia

Il 10 e 11 novembre si parlerà di "Santità femminile e disturbi mentali fra Medioevo ed età moderna”

Un altro catanzarese porta alto il nome della sua città e della regione tutta, in uno degli atenei più prestigiosi d’Italia. Il 10 e l’11 novembre infatti nell’aula Mario Baratto dell’Università Ca’ Foscari di Venezia si terrà il convegno “Pazze di Lui.

“Santità femminile e disturbi mentali fra Medioevo ed età moderna” ideato e organizzato dal catanzarese Mattia Zangari, con il patrocinio dell’Ateneo veneziano e della Pontificia Università Urbaniana, nel contesto del progetto “WoMent – Mad for Him: women, religion and mental illness in the late Middle Ages and in the Early Modern Age” (Marie Skłodowska Curie Global Fellowship).

Classe 1989, Zangari – che alla Ca’ Foscari è ricercatore – dopo aver conseguito il dottorato alla Normale di Pisa, ha vinto una prestigiosa borsa europea, la Marie Skłodowska Curie. Studioso della santità delle donne fra Medioevo ed età moderna, autore della monografia “Tre storie di santità femminile tra parole e immagini”, Mattia Zangari ha rivolto i suoi interessi anche alla fenomenologia della mistica femminile, individuando casi di presunta santità riconducibili, più verosimilmente, a casi di disturbi mentali ed è proprio su questi temi che è incentrato il convegno “Pazze di Lui”.

A discuterne insieme a Zangari, ci sarà una pleiade di studiosi di grande spessore che parleranno del rapporto fra santità femminile e malattie mentali fra Medioevo ed Età moderna .

Un programma denso di relazioni, interventi, discussioni che vedrà la partecipazione, in presenza e in modalità virtuale, oltre a Mattia Zangari di André Vauchez dell’Università di Rouen e di Nanterre, Martina Bengert della Freie Universität Berlin, André Otto della Humboldt – Universität Berlin, Alfonsina Bellio dell’Ècole Pratique des Hautes Ètudes, Manuela Fraire della Società Psicoanalitica Italiana, Chiara Basta del Museo del Capitolo della Cattedrale di Perugia, Torsten Passie, della Göthe-University Frankfurt-Main e dell’ Hannover Medical School, Armando Maggi dell’University of Chicago, Rudolph M. Bell della Rutgers University, Vincenzo Lagioia dell’Università di Bologna, Isabella Gagliardi dell’Università di Firenze, Chiara Coletti dell’Università di Perugia, Tineke Van Osselaer, Linde Tuybens, Kristoph Smeyers e Leonardo Rossi dell’Università di Antwerpen, Grado Giovanni Merlo dell’Università di Milano.

Sarà un programma di notevole importanza accademica, in sintesi. E ad animarlo sarà proprio il catanzarese Mattia Zangari.