Quantcast

Catanzaro, contest allievi convitto Galluppi “Io leggo perché” foto

Poesie, letture e tanti pensieri sull’importanza di leggere impressi su cartoncini colorati - dalle più svariate forme – hanno decorato un grande albero

Poesie, letture di brani, giochi e, soprattutto, tanti pensieri sull’importanza di leggere impressi su cartoncini colorati – dalle più svariate forme – che hanno decorato un grande albero. Il contest dal titolo “RaDICI di LIBRI, raDICI D’Amore” ha visto protagonisti diversi alunni della scuola primaria e secondaria di I grado del Polo didattico Convitto “Galluppi” di Catanzaro che hanno invaso piazza Prefettura per un’intera giornata.

Contest scuola Galluppi Io leggo perchéI ragazzi del Galluppi durante il contest

L’iniziativa, inserita nel progetto Biblioteca che la scuola porta avanti da tempo, è stata organizzata nell’ambito della manifestazione nazionale #ioleggoperché, nata con l’obiettivo di promuovere la diffusione della lettura tra le nuove generazioni ma anche per arricchire le biblioteche scolastiche di nuovi testi regalati dai cittadini. “Abbiamo aderito con grande entusiasmo – ha spiegato il dirigente scolastico, Stefania Cinzia Scozzafava – perché crediamo profondamente nell’importanza della lettura e di quanto i nostri ragazzi abbiano bisogno di scoprire la bellezza di perdersi tra le pagine di un libro. Ringrazio tutti i nostri alunni per l’impegno che hanno profuso ma soprattutto le insegnanti di italiano dei due ordini di scuola che, coordinati dalla docente referente, Carmela Imbesi, hanno lavorato con straordinaria abnegazione per far sì che tutto andasse bene”.

La dirigente con alcune docenti
Contest scuola Galluppi Io leggo perché

Come detto, diversi i momenti di animazione: dall’intervento del personale militare del Reparto dei Carabinieri della Biodiversità di Catanzaro che ha intrattenuto i ragazzi sui temi del rispetto dell’ambiente, a quello dell’attore Francesco Passafaro che ha letto alcuni passi di Harry Potter e poi si è esibito in un monologo di Gigi Proietti. E ancora i giochi: “indovina la citazione”, per saggiare le conoscenze letterarie dei passanti, e “scrivi il messaggio”, con tanti cittadini che hanno arricchito l’albero con le loro riflessioni sulla lettura. Ottimo il riscontro, con decine di libri acquistati e regalati alla scuola grazie anche all’impegno della libreria “Punto e a capo” dove ancora è possibile acquistare i testi da donare al Convitto “Galluppi”.

Francesco Passafaro
Contest scuola Galluppi Io leggo perché