Quantcast

Chiusura delle scuole, Abramo: ‘Valuterò se un eventuale provvedimento sia giuridicamente praticabile’

Il sindaco: 'Dobbiamo verificare ogni aspetto dal punto di vista legale'

“Ancora non ho preso una decisione. Valuterò con i dirigenti tecnici se, giuridicamente, ci siano gli estremi per procedere con un provvedimento di momentanea chiusura delle scuole e differirne di alcuni giorni l’apertura,  o se questo possa essere impugnato. Dobbiamo verificare”.

Sono le parole del sindaco di Catanzaro Sergio Abramo mentre sono ore calde, caldissime sul fronte delle decisioni da prendere sulla ripartenza in presenza delle scuole il prossimo lunedì 10 gennaio, come previsto dal governo, o adottare diversi provvedimenti a livello locale, e oltre duemila dirigenti scolastici in Italia hanno espresso con una petizione al governo il loro no ad una imminente riapertura degli istituti scolastici mentre la pandemia registra i suoi numeri record in tutto il Paese.

A margine di una conferenza stampa tenuta qualche ora fa dal presidente della Regione Roberto Occhiuto, intanto, il governatore ha dichiarato di avere fatto pressioni al governo per posticipare la riapertura delle scuole visti i dati calabresi della pandemia così preoccupanti, e che a questo punto ‘la palla passa ai sindaci’.

Non mi opporrò, ha dichiarato, alle loro eventuali decisioni di posticipare l’apertura delle scuole per tutelare la sicurezza di tutti.

Nel Catanzarese i sindaci dei Comuni di Soverato, Magisano, Petronà, Sersale, Pentone e Taverna hanno già posticipato  l’avvio dell’attività didattica in presenza vista la grave situazione dei contagi Covid.