Quantcast

Alunni della classe terza della Scuola Primaria Samà incontrano la scrittrice Sina Mazzei

Un viaggio tra le emozioni trasmesse dalla lettura della Fiaba ”Timere. Con il cielo dentro gli occhi”

Mercoledì 18 maggio2022 presso la Scuola Primaria Samà, I.C.”Don Milani-Sala” alle ore 15.00 si è svolto l’incontro dei bambini della classe terza A con la scrittrice Sina Mazzei; presente all’evento il Dirigente Scolastico prof.ssa Cinzia Emanuela De Luca,l’insegnante Concetta Passafaro Fiduciaria del Plesso ,le insegnanti Enrica Caputo ,Elisabetta Pileggi e Anna Vocca . E’ un pomeriggio di maggio , voci squillanti di bambini , impazienti aspettano di incontrare la scrittrice del libro che hanno letto,una storia che li ha particolarmente affascinati.Ed ecco entra Sina Mazzei,la maestra Sina autrice della bellissima Fiaba”TIMERE con il cielo dentro gli occhi” I bambini la accolgono sbandierando aquiloni colorati e in coro con la frase :- IO NON HO PAURA DI ESSERE COME SONO.-L’emozione accomuna tutti ,alunni ,insegnanti ,genitori presenti all’evento.

TIMERE è una fiaba in cui alcuni animali ,alunni della stessa classe,rappresentano i nostri sogni e le paure ,le emozioni giuste o sbagliate, tutto ciò che sentiamo è che è parte di noi, come caratteristica che ci contraddistingue o accomuna a qualcun altro. La protagonista, Timere , è una pecorella la cui caratteristica è lo stato d’animo timido ma è anche ambiziosa; l’accettazione di sé e la perseveranza, la portano pian piano a trasformare un’emozione vissuta negativamente, in un trampolino di lancio, per arrivare più in alto di quanto si aspettassero tutti e lei stessa. Timere ci fa stare con i piedi per terra ,ma con gli occhi rivolti verso il cielo :-Io ce la farò-e ci aiuta a non mollare.
Ognuno di noi in diversi momenti della storia si è sentito/a Timere o, per lo meno, ci siamo ricordati di quella volta che ci siamo sentiti un po’ come lei.

Dopo le presentazioni il Dirigente Scolastico ha porto un saluto di benvenuto a Sina Mazzei ,anche l’insegnante Pileggi ha ringraziato la scrittrice e in breve ha illustrato il lavoro svolto ;un ringraziamento particolare lo ha rivolto alla Dirigente per aver proposto la lettura di questo libro e perché ha permesso che i genitori fossero presenti all’evento,il primo del genere vissuto dai bambini,Ha preso la parola anche la rappresentante di classe Mariateresa Morello che, facendosi portavoce a nome dei genitori,ha ringraziato per quello che la lettura del libro ha comunicato loro e ai bambini.A questo punto si è iniziato con le domande che gli alunni hanno rivolto alla scrittrice,per passare alla richiesta rivolta alle maestre e alla stessa,di scrivere un sogno su aquiloni simili ai loro.I sogni scritti su tutti gli aquiloni sono stati poi letti da ognuno.La scrittrice ha presentato il libro in modo da far intervenire gli alunni,facendo rivivere loro la fiaba con spunti che li hanno resi oltremodo partecipativi e calati nelle emozioni della piccola pecorella.Il compito di presentare il Power Point del lavoro svolto dagli alunni,facendo proprie alcune tematiche del libro,è stato affidato alla maestra Enrica Caputo che ha spiegato tutti i vari momenti.
Uno scambio di opinioni ,una spiegazione a livello tecnico e il messaggio conclusivo che si è tratto è questo:“ognuno di noi deve accettarsi così com’è “ perché spesso “noi ci vediamo come ci vedono gli altri e non come siamo veramente”.