All’ex Stac la mostra della pittrice Maria Lia Bovino

Tratti surreali e una vena di magia musicale nel tocco della brava artista catanzarese

Più informazioni su

    L’Assessorato alla cultura della città di Catanzaro offre nella palazzina EX STAC un
    nuovo appuntamento con l’arte dove la pittrice Maria Lia Bovino, in arte Lia, nata a
    Catanzaro, espone le sue opere dal 21 febbraio al 2 marzo.
    L’artista, una donna discreta ed apparentemente fragile, diventa invece decisa
    quando dipinge le sue “acque” silenziose o quando la forza di un’onda s’infrange su
    una roccia o un’umida spiaggia. Diplomata al Conservatorio, pianista, conferisce alle
    sue creazioni un tocco di magia musicale.
    La natura e l’acqua, sua grande ispirazione, animano le sue creazioni che palpitano
    di gioia di vita, una vita che Lia ama “inventarsi” ogni giorno e per questo ha
    imparato a guardare la realtà attraverso una “lente” che le da una dimensione
    surreale. Nelle sue opere “distorte” l’artista cerca chiese, campanili nella nostra
    Italia così ricca di bellezze da offrire. Qualcuno ci ha visto l’effetto degli specchi
    deformanti, altri un gioco ricavato al computer, chi qualcosa di musicale, ma il suo
    desiderio di smussare gli angoli, innalzare le cupole togliendo tutto ciò che la
    monumentalità infligge ad ogni opera senza però stravolgerla, rende tutto fluido
    tornando così al suo elemento preferito, l’acqua.

    Più informazioni su