Quantcast

Lesioni da presunte violenze per bimbo di tre mesi: oggi la Procura indaga il padre

I fatti risalgono a gennaio quando il neonato arrivò in pronto soccorso con contusioni e fratture compatibili, per i medici che denunciarono alla Polizia, con percosse

Era arrivato in pronto soccorso con varie contusioni, e fratture che ai medici ed al personale sanitario non convincevano, per questo era intervenuta immediatamente su sollecitazione del servizio sociale ospedaliero la Squadra Mobile della Questura di Catanzaro. La storia è quella del neonato prima ricoverato e poi allontanato dagli stessi genitori dal presidio Pugliese-Ciaccio, ma che su richiesta della Mobile, i genitori hanno portato nuovamente in ospedale per ulteriori “approfondimenti”.

Oggi come scrive il quotidiano “Gazzetta del Sud”, la svolta nelle indagini. L’ipotesi di reato contestata al giovane padre del bambino che insieme alla sorellina di tre anni è stata affidata ai nonni materni è quella di “lesioni personali aggravate”. Sono settimane che la Mobile lavora al caso con il coordinamento del sostituto procuratore Stefania Paparazzo. Il padre del neonato A. L. avrebbe procurato le ferite al figlio e per questo è finito nel registro degli indagati.