Quantcast

All’ITTS “Scalfaro” il primo premio del progetto “Conosci gli alieni”

Un’app che coniuga ambiente e tecnologia per uno sviluppo ecosostenibile

E’ avvenuta questa mattina nella sala del Cenacolo dell’Istituto tecnico tecnologico statale “E. Scalfaro” di Catanzaro – il cui dirigente scolastico è Vito Sanzo – la premiazione degli studenti del prestigioso istituto cittadino che hanno partecipato  al Progetto “Conosci gli alieni”,  in partnership con i Carabinieri per la Biodiversità, l’Amministrazione Provinciale e il WWF di Catanzaro.

Alla cerimonia di premiazione – che, a causa della pandemia da Covid-19, è stata a lungo differita e oggi si è potuta finalmente svolgere, ma con una ristretta partecipazione di studenti –  hanno presenziato il Colonnello Nicola Cucci, comandante del Reparto Carabinieri Biodiversità Catanzaro, l’Appuntato Raffaele Viscomi e la guida naturalistica Alfredo Rippa; a riceverli con grande entusiasmo ed emozione i giovanissimi  studenti dello Scalfaro, Silvio Procopio, Gabriele Scerra, Angelica Paone, Madurapperuma Supun Chamara ed Edoardo Priamo, che hanno realizzato un’applicazione il cui obiettivo principale è quello di divulgare le conoscenze sulle specie aliene del territorio calabrese.

La referente, la prof.ssa Teresa Critelli, e il direttore del progetto e collaboratore del dirigente scolastico, il prof. Fabio Rodomonte, hanno guidato il gruppo di studenti nella creazione di una applicazione che permette di selezionare le varie specie di flora e di fauna presenti nel nostro habitat, di cui ognuna è stata catalogata con le proprie note tassonomiche e la relativa descrizione tecnico-scientifica. L’app è anche fruibile da turisti stranieri perché i ragazzi hanno provveduto alla versione in lingua inglese, oltre che a quella in lingua italiana. Non solo! L’obiettivo è quello di implementare ulteriormente l’app in futuro, inserendo altre opzioni linguistiche come lo spagnolo e il francese per farne un vero e proprio strumento innovativo e digitale di promozione del nostro territorio con le sue bellezze naturali da far conoscere, preservare e tutelare. Inoltre, dal punto di vista tecnico, i ragazzi con i loro docenti pensano già alla possibilità futura di rendere l’app accessibile e scaricabile da playstore e di adattarla ad altri sistemi operativi come iOS. Quindi, ancora tanti gli sviluppi possibili per questa app che consente al visitatore virtuale di fare un vero e proprio tour alla scoperta delle nostre specie aliene.

Un progetto di grandissima rilevanza educativa che – grazie anche alla collaborazione con i Carabinieri per la Biodiversità di Catanzaro, alla loro alta professionalità e al loro costante impegno a difesa dell’ambiente – ha stimolato i ragazzi ad avvicinarsi a questa specifica tematica, a studiarla in modo approfondito, a mettere a frutto le proprie competenze tecniche e scolastiche per creare uno strumento di condivisione delle conoscenze acquisite e, soprattutto, dei valori di rispetto, di conservazione, di tutela della natura che sottendono tutta l’idea progettuale.

Il Colonnello Cucci si è voluto complimentare con ciascuno degli studenti  richiamando l’importanza che i giovani siano sempre più sensibili alle tematiche ambientali e sviluppino comportamenti rispettosi e corretti atti a preservare la natura da ogni forma di inquinamento e di incuria. Il dirigente scolastico Vito Sanzo – che ha sostenuto  in ogni fase la partecipazione dei ragazzi al progetto – ha voluto mettere il focus sull’interessante connubio fra ambiente e tecnologia che rappresenta la chiave di volta per uno sviluppo ecosostenibile, fra gli obiettivi principali dell’Agenda 2030 e, quindi, del mondo contemporaneo.

I ragazzi sono stati premiati, oltre che con una targa, anche con un erogatore d’acqua, delle borracce, nell’ottica del plastic free, e delle piante che saranno messe a dimora e georeferenziate nella prospettiva della riduzione di anidride carbonica e gas serra.