Catanzaro Calcio, è partito il nuovo corso targato Zavettieri (CON VIDEO)

Quarto tecnico di questo primo scorcio di stagione. Altre novità nello staff tecnico? Sembrerebbero essere in bilico anche le posizioni di Truda e Ferrara 

Più informazioni su


    Un nuovo inizio, l’ennesimo. Incorniciato da un ben augurale cielo limpido e da un sole quasi estivo, il nuovo corso targato Zavettieri ha preso ufficialmente il via questo pomeriggio al Poligiovino. Alle 15.00, come già precedentemente raccontato, il nuovo mister ha diretto il primo allenamento della sua nuova avventura in giallorosso, salutato da una cinquantina di tifosi sugli spalti e osservato con curiosità dalla vicepresidente Gessica Cosentino. L’ufficialità della sua investitura a quarto tecnico delle aquile per la stagione in corso è arrivata invece qualche ora dopo, precisamente alle 18.58, quando sul sito del club è stato dato l’annuncio dell’accordo fino al termine della stagione. Nel suo curriculum tanta gavetta nei settori giovanili di Venezia, Udinese ed Inter, due esperienze all’estero sulle panchine di Ventspils Club (Lettonia) e Adelaide United (Australia), poi il salto di qualità tra i professionisti italiani: nel 2013 a Bari (con Alberti), l’anno dopo a L’Aquila, quello dopo ancora a Castellammare.

    Non è dogmaticamente legato a nessun modulo in particolare: a L’Aquila ha oscillato tra il 4-3-3, il 3-4-3 e il 3-4-1-2 mentre in sella alla Juve Stabia ha utilizzato quasi stabilmente il 4-4-2. A puntare su di lui, come anticipato, sarebbe stata soprattutto la famiglia Cosentino, poco propensa ad accettare una nuova investitura ad esclusiva opera del diesse dopo la disastrata esperienza Somma. Vagliato già nelle ore precedenti all’accantonamento di Spader (sempre per volere del presidente) il suo nome fu poi immediatamente depennato dalla lista a causa del convinto pressing del direttore su Lucarelli prima e Somma poi. Inquadrata in tale ottica, la sua investitura suonerebbe come l’ennesimo messaggio di sfiducia lanciato dalla proprietà all’attuale direzione sportiva con la posizione di quest’ultima sempre più traballante. Che ci sia del gelo tra le parti lo si era intuito anche nell’ultima partita casalinga quando, sui gradoni dei distinti, presidente e diesse avevano scelto di accomodarsi ai due estremi opposti del settore senza mai incrociare lo sguardo o scambiare un’opinione. Cosa succederà nelle prossime ore non è ancora dato sapersi ma l’impressione è che da qui a poco un nuovo scossone potrebbe verificarsi.

    Tornando ai fatti di campo, il nuovo mister ha oggi mischiato ampiamente le carte ruotando tutti gli uomini a propria disposizione (compresi i berretti Strumbo, Cannistrà ed Imperiale) e modificando di volta in volta l’assetto tattico. Punto fermo di tutta la seduta è stata la difesa a quattro, provata e riprovata con la coppia Di Bari-Prestia centrali, Esposito e Patti sugli esterni. Unici assenti dal campo, come detto, Baccolo e Sabato con quest’ultimo obbligato a dare forfait anche domenica per l’ormai arcinoto problema alla caviglia. Le prove di corsa effettuate nei giorni scorsi non hanno dato gli esiti positivi convincendo lo staff medico a pazientare ancora e a posticipare a lunedì il rientro in gruppo del potentino. Spettatori della seduta anche i reduci Truda e Ferrara, partecipi con il contagocce nella fase iniziale, poi dispostisi sulla linea di fondo ad osservare in silenzio. La loro posizione sembrerebbe essere ancora al vaglio della società e nessuna decisione sembrerebbe essere stata ancora presa. Certo è che la piazza vorrebbe definitivamente voltare pagina e, a tal proposito, non è sfuggito il curioso siparietto di fine seduta con i tifosi a sollecitare al tecnico il reintegro dell’ex preparatore Antonio Raione. Con Zavettieri, poi, dovrebbe arrivare anche il tecnico in seconda Mommo Mesiti, in passato sulle panchine di Interpiana ed Hinterreggio, ma l’arrivo sarebbe per ovvie ragioni ancora in stand-by. Chiusura con un brindisi negli spogliatoi per il compleanno dell’altro mister, il fido Giulio Spader.

    Gianfranco Giovene

     

     

    Più informazioni su