Quantcast

Sicula-Catanzaro 0-2, Cassia (secondo Auteri):gara ben intepretata

'Poco concreti nella prima frazione, Chi è subentrato ha fatto benissimo' DECIDONO D'URSI E IULIANO


«Abbiamo giocato contro una buona squadra, organizzata, pericolosa e che sa tenere bene il campo. Ai ragazzi vanno fatti i complimenti per come si è interpretata la partita e per come si è vinto». E’ di Loreno Cassia, secondo di Auteri, il primo commento a caldo dopo la vittoria dei giallorossi in quel di Lentini. Intervenuto in sala stampa, l’allenatore in seconda delle aquile ha esaltato la prestazione dei suoi senza nascondere le pecche di un primo tempo condotto sì da attori principali ma senza adeguati affondi: «Nei primi quarantacinque minuti abbiamo mostrato una buona supremazia territoriale – ha detto Cassia – ma non abbiamo saputo concretizzare. Nell’intervallo Auteri ha spronato il gruppo a cercare di ottenere qualcosa in più e nella seconda frazione la musica è cambiata anche grazie ai cambi e al primo gol trovato. Chi è subentrato ha fatto benissimo – ha proseguito – e in un momento come questo, in cui accusiamo qualche acciacco di troppo, stringere i denti come hanno fatto Celiento, Riggio e Figliomeni è stato fondamentale». Partita preparata nel dettaglio e terminata con il giusto compenso: «Temevamo la Sicula ma ci eravamo anche preparati bene – ha commentato Cassia – in settimana i ragazzi sgobbano come muli e chi accetta di stare con Auteri sa che va incontro ad un anno di fatica e concentrazione. Dove possiamo arrivare? Non ci poniamo limiti: siamo una squadra nuova ma abbiamo voglia di affermarci. L’obiettivo è quello di giocarcela di domenica in domenica pur sapendo che davanti a  noi ci sono squadre forti come Juve Stabia, Trapani e Catania». Di «partita equilibrata» e di «grande rammarico» ha parlato invece l’ex Squillace per il quale «la vittoria giallorossa è stata agevolata soprattutto dagli errori della squadra di casa»: Sicula alla terza sconfitta in tre partite, a fine gara sono arrivati anche i fischi dei tifosi.

Gianfranco Giovene