Quantcast

Catanzaro Calcio, doppia seduta atletica al rientro dalle vacanze

In campo anche Signorini, Pambianchi e De Risio. Squalifiche Eklu e Auteri, si medita ricorso 


Come un primo giorno di scuola dopo le vacanze quando ad attenderti c’è già un compito in classe: è andata pressappoco così la ripresa odierna del Catanzaro con l’intera truppa subito torchiata a dovere dal punto di vista atletico da Auteri per smaltire le scorie di panettoni e spumanti accumulati durante lo stop natalizio. Ritmi già alti per le aquile, impegnate quest’oggi a Giovino in una doppia seduta tra la nuova palestra esterna – completata ed agibile – e il fondo spelacchiato del “Mirko Gullì”: niente pallone e tanta corsa è stato il menù, il tutto scandito dai richiami martellanti del coach e del suo staff. Tutto il gruppo ha risposto presente al primo appello del 2019 tranne il febbricitante Kanoute – rimasto a riposo ma dato in ripresa – e Lame – probabilmente ancora non al meglio dopo i guai fisici dell’ultimo periodo. In campo anche Signorini, Pambianchi e De Risio, abili e arruolati dopo i rispettivi infortuni e già impegnati a fare ossigeno con i compagni in questo primo richiamo di preparazione. Non facile andare subito a mille – per informazioni chiedere a Ciccone bloccato da un indurimento al polpaccio – ma sarà proprio su questa falsariga che prevedibilmente si procederà con carichi graduali per tutta la settimana. 

RICORSO – Sempre oggi il club ha appreso l’entità della squalifica di Eklu, espulso a Potenza e stoppato per due turni dal giudice sportivo “per aver colpito con un pugno al fianco un avversario”. Sia per lui che per mister Auteri – stangato dopo Trapani – si starebbe meditando in queste ore il ricorso per una riduzione della pena. Uno solo invece il turno di stop comminato a capitan Maita per recidività in ammonizione. 

MERCATO – Le prossime ore saranno però importanti soprattutto dal punto di vista del mercato con il rientro in città del presidente che dovrebbe definitivamente levare il tappo alle operazioni in entrata. Al già noto nome di Bianchimano, per l’attacco, si sarebbero accostate le suggestioni Curiale e Reginaldo, piste entrambe già sondate in estate e ancora da vedere quanto percorribili in gennaio. Non del tutto chiusa l’ipotesi Di Piazza con il giocatore ben disposto ad accettare la proposta del Catania ma il Cosenza più propenso a liberarlo sulla via di Catanzaro.

Gianfranco Giovene