Quantcast

Assessore di Reggio accende il derby: catanzaresi zingari da affondare

Caduta di stile del membro della giunta Falcomatà Antonino Zimbalatti a pochi giorni da Reggina-Catanzaro. Frase razzista su Facebook e c'è chi, anche nella città dello Stretto ne chiede le dimissioni 


Di Giulia Zampina

La retorica delle parole , la non conseguenzialita’ delle buone intenzioni con i fatti trova la sua forma, il suo volto e la sua fisionomia nell’assessore comunale di Reggio Calabria Antonino Zimbalatti che si lascia andare, in queste ore, ad espressioni più vicine al gergo di una curva che consone ad un rappresentante delle istituzioni. Accade infatti che il delegato del sindaco Falcomata’ addirittura alla polizia urbana e alla sicurezza , commentando un post del giornale on line CityNow sport abbia scritto “Fffundamu e zingari». La frase dell’assessore sarebbe riferita al prossimo derby che gli Amaranto giocheranno proprio contro i giallorossi. Il giorno dopo le commemorazioni della Shoah, all’indomani della decisione dell’amministrazione Reggina di vestire l’Athena di rosso contro ogni forma di razzismo e per il ruolo ricoperto effettivamente quella dell’assessore è non solo una caduta di stile , ma anche un’imbarazzante presa di posizione difficilmente derubricabile ad un semplice sfotto’ tra tifoserie, per altro tifoserie che un tempo furono amiche , quasi a seppellire i vecchi rancori dei moti di Reggio Calabria, il cui clima , senza voler scomodare troppo la storia , sembra riproporsi alla vigilia della gara. Infatti all’assessore è seguito,  poco dopo, il commento dubbio di due popolari speaker di una radio locale che si erano espressi con toni non certo sportivi sul derby. Alcune associazioni della città dello Stretto , come #amareggio/stanza 101, hanno preso le distanze dall’assessore, chiedendo l’intervento del sindaco Falcomata’ e invocando  le dimissioni dell’assessore. In realtà, in un momento storico così delicato , il problema prima che politico è certamente sportivo , alla luce di quanto avviene su molti campi di calcio e che diventa oggetto di serrate polemiche che ovviamente finiscono in molte ed inutili parole.