Quantcast

Per il Catanzaro contro la Paganese fondamentali i 3 punti

Nella giornata di riposo della Juve Stabia per il Catanzaro sono importanti i 3 punti proprio in vista dello scontro con la capolista gialloblù


Non c’è due senza tre. Aspira alla tripletta il Catanzaro di Auteri che dopo aver impallinato nell’ordine Casertana e Reggina prepara meticolosamente il colpo per affondare anche la Paganese. Quelli in palio contro gli azzurrostellati sono tre punti d’oro che potrebbero rivelarsi fondamentali nella corsa al vertice alla luce anche della giornata di riposo della Juve Stabia e dell’ormai prossimo scontro diretto che vedrà proprio la capolista gialloblù sulla strada delle aquile. Vincere non è dunque una possibilità tra tante, una opzione, ma un vero e proprio obbligo come sottolineato da Auteri. Domani – calcio d’inizio ore 14.30 – seppur con bocche di fuoco inedite, sarà fondamentale continuare a colpire.     

FORMAZIONE – Giallorossi con un attacco praticamente da inventare vista la contemporanea indisponibilità di Kanoute, Bianchimano e Fischnaller. Nella conferenza stampa della vigilia mister Auteri è di fatto investito Ciccone e Giannone della responsabilità di sostituirli; a loro dovrebbe poi aggiungersi D’Ursi, un pizzico più avanti rispetto a Casoli pronto comunque a subentrare. In mediana, visto il surplus di lavoro nell’ultimo periodo per Iuliano e la condizione non ancora al top di De Risio, possibile la sorpresa Eklu mentre in difesa, nonostante gli acciacchi, sia Celiento che Figliomeni dovrebbero partire dal primo minuto con Signorini sull’out di sinistra. Tante e tutte importanti anche le assenze di casa Paganese con sia Cesaretti che Stendardo out per una distrazione di primo grado al bicipite femorale e con l’esperto Scarpa costretto al forfait per problemi alla schiena. «Le assenze pesano sempre e per noi peseranno tutte – ha dichiarato mister De Sanzo – Giocheremo contro una delle migliori squadre del campionato, allenata forse dal miglior tecnico della categoria e sarà importante scendere in campo spensierati e tosti. Anche perché quando pensiamo facciamo danni». Dietro le punte, nel 4-3-1-2 azzurrostellato agirà Della Morte mentre il previsto esordio di Dellafiore in difesa potrebbe slittare a vantaggio di Acampora. Squadre che entreranno in campo entrambe con il lutto al braccio e che rispetteranno, prima del fischio di inizio un minuto di raccoglimento per ricordare le vittime dell’incendio al Centro Sportivo del Flamengo in Brasile.     

NUMERI – Sette finora i confronti tra le due squadre al “Ceravolo”: ai giallorossi il maggior numero di vittorie – in tutto quattro – poi due pareggi e un solo successo ospite. Azzurrostellati corsari nella burrascosa stagione 2016/17 con le reti di Deli e Reginaldo; lo scorso anno invece fu pareggio per uno ad uno grazie al gol di Talamo e all’autorete in extremis di Picone. Aquile a secco di vittorie tra le mura amiche contro i campani dall’aprile 2016 quando a deciderla fu una prodezza della meteora Olivera; ben più netta l’affermazione dell’andata al “Torre” con il sonante 0-4 regalato dagli Auteri boys a firma Giannone, Riggio, De Risio e D’Ursi: quasi una passeggiata. Sarà poi ritorno al passato per Fabio De Sanzo, difensore del Catanzaro dal 2001 al 2003, autore di tre gol in giallorosso in cinquantuno presenze sotto la guida di Bitetto, Morgia e Dellisanti.

CATANZARO (3-4-3) : Furlan; Celiento, Figliomeni, Signorini; Statella, Maita, Eklu, Favalli; D’Ursi, Ciccone, Giannone. All. Auteri    

PAGANESE (4-3-1-2) : Santopadre; Tazza, Piana, Acampora, Perri; Carotenuto, Capece, Nacci; Della Morte; Cappiello, Parigi. All. De Sanzo