Quantcast

Catanzaro-Trapani: è match point per il podio

Ultimo impegno della stagione regolare per gli uomini di Auteri che recupera Riggio e Bianchimano ma perde Statella e Casoli


di Gianfranco Giovene

L’ultimo metro prima del traguardo, da percorrere stringendo i denti e dando fondo alle residue energie fisiche e mentali. Ci sarà tempo nei giorni successivi, quelli prima dell’inizio dei playoff, per ricaricare le batterie: domani invece il Catanzaro dovrà dare tutto in campo contro il Trapani (calcio d’inizio ore 18.30) per conquistare l’obiettivo terzo posto e guadagnarsi i benefici in palio per gli spareggi promozione. Contro i granata sarà come una finale e bisognerà vincere anche per riscattare i due precedenti amari dei mesi scorsi: l’eliminazione in coppa – anche se indolore – e quel boxing day per nulla felice, di rigore anch’esso, che ha contribuito a far virare la prua della nave lontano dal vertice.    

QUI GIALLOROSSI – Giallorossi chiamati dunque a mettere un punto esclamativo contro una grande di pari livello, cosa per la verità accaduta di rado in questa stagione. Per l’occasione Auteri recupera Riggio e Bianchimano ma il contemporaneo  forfait di Statella e Casoli potrebbe indurre anche ad un cambio modulo, peraltro già provato nel finale di mercoledì contro la Viterbese. In caso di 4-3-3 sarebbero Maita, Iuliano e De Risio a presidiare la mediana con Favalli arretrato in difesa mentre la conferma del 3-4-3 obbligherebbe l’impiego di Posocco. Davanti Bianchimano ha recuperato e Giannone – che per Auteri «non ha ancora i novanta minuti nelle gambe» – potrebbe essere inserito a gara in corso: con il numero nove potrebbero dunque partire Ciccone e Fischnaller preservando così D’Ursi ancora non al meglio.     

QUI GRANATA – Acque decisamente mosse invece in casa granata con il grosso delle attenzioni rivolte più all’annunciata conferenza stampa dell’AD De Simone – parlerà martedì per spiegare l’esonero di qualche giorno fa del diesse Rubino – che sul campo per l’ultima della stagione. Il piazzamento nella griglia playoff è ormai acquisito ed è probabile che Italiano opti per un po’ di turnover tra centrocampo ed attacco. Al posto dello squalificato Aloi, nella mediana composta anche dall’ex Corapi e da Toscano, agirà Girasole mentre in avanti, con l’eroe di Rende Evacuo e probabilmente con Ferretti, è ancora ballottaggio tra Golfo e Fedato. Nodo che non sembra essere stato sciolto nella rifinitura di questa mattina; Pagliarulo, Taugourdeau, Canino, Nzola e Mastaj nemmeno convocati.    

NUMERI – Mai un pareggio tra le due formazioni al “Ceravolo”: negli undici precedenti disputati i giallorossi hanno finora fatto la voce grossa per otto volte venendo superati dai siciliani solo in tre occasioni. Ultimo incrocio amaro per i padroni di casa, guidati da Pancaro e sconfitti dai granata per due a uno (di Polidori, Evacuo ed Infantino i gol). Vittoria che manca dal maggio 2011 al Catanzaro – erano i tempi dell’effecì e la decise Capicotto (1-0) – mentre in Sicilia, tra campionato e coppa, non sono arrivate gioie per le aquile nella stagione in corso.
CATANZARO (4-3-3) : Furlan; Celiento, Figliomeni, Signorini, Favalli; De Risio, Maita, Iuliano; Ciccone, Bianchimano, Fischnaller. All. Auteri    

TRAPANI (4-3-3): Ferrara; Scrugli, Da Silva, Mulè, Ramos; Girasole, Corapi, Toscano; Ferretti, Evacuo, Fedato. All. Italiano