Quantcast

Il gigante e il bambino, l’esordio in giallorosso di Cristiano

Auteri: 'Bravo sul campo e bravo a scuola'

Più informazioni su


    di Gianfranco Giovene

    Il gigante e il bambino, una cartolina quasi da libro Cuore nella domenica dell’entusiasmo giallorosso. Il primo è Giuseppe Figliomeni, il più esperto nello spogliatoio del Catanzaro con tante stagioni alle spalle e tante cicatrici che se potessero parlare racconterebbero di una carriera vissuta tutta nella trincea di fuoco della difesa, ad intercettare le granate e a rendere innocue le scorribande avversarie; il secondo invece è Alberto Cristiano, il più giovane e sbarbato della truppa, aggregato da qualche settimana al gruppo per gli allenamenti di Giovino e con la dicitura “attaccante” incisa di fresco sulla mostrina.     

    L’ESORDIO – E’ il minuto trentotto della ripresa, il risultato tra Catanzaro e Trapani è già bello che fissato sul sei a tre ed Auteri con un cenno lo richiama dal riscaldamento per regalargli quell’esordio che in molti avevano immaginato già nei minuti finali del recupero contro la Viterbese. Via la tuta, l’attesa fremente sulla linea di fondo, poi l’ingresso in campo salutato da un abbraccio “avvolgente” con il navigato centrale, quasi un passaggio di consegne nella battaglia tra due generazioni distanti. Bello a vedersi ma importante anche per il club che con il suo esordio ha tagliato anche il traguardo del più giovane debuttante in campionato – sedici anni appena – a testimonianza del valore e dei passi avanti compiuti anche in termini di settore giovanile che si spera possano aumentare, con l’adeguata attenzione, anche nel futuro prossimo. 

    «BRAVO SUL CAMPO E…A SCUOLA» – Per il catanzarese Cristiano – la famiglia è di Sellia Marina e il ragazzo ha praticamente fatto l’intera trafila del settore giovanile giallorosso – gli applausi del “Ceravolo” e le lodi di Auteri che lo ha definito a fine gara «un ragazzo con buone qualità, perdipiù educato e che va anche bene a scuola»: «Dovrà fare così anche ora – ha ribadito il mister – prendendo questi dieci minuti d’esordio con il giusto atteggiamento e continuando ad occuparsi anche del resto che sta fuori dal campo». Soddisfazione anche dalla società, in particolare dal Responsabile dell’US Catanzaro Academy Frank Santacroce e dal Responsabile dell’Area Tecnica del Settore Giovanile Carmelo Moro. E chissà che dietro quell’abbraccio, da gigante a bambino, non ci sia l’inizio di un altro bel capitolo in giallorosso.

    Più informazioni su