Catanzaro cala il poker con la Viterbese

Laziali abbattuti da un doppio Tulli e da Bianchimano LA PUNTATA DI STUDIO GIALLOROSSO 

Più informazioni su


    CATANZARO-VITERBESE 4-0

    Marcatore: 22′ Tulli 18’st Tulli 39’st Bianchimano 44’st Celiento

    CATANZARO: Bleve; Celiento, Atanasov, Martinelli (42’st Nicoletti); Casoli (42’st Bayeye), Corapi, De Risio, Contessa; Tulli (31’st Carlini) Di Piazza (32’st Bianchimano), Kanoute (43’st Iuliano). A disposizione: Mittica, Urso, Giannone, Statella, Riggio, Novello, Quaranta All. Auteri

    VITERBESE: Pini; Markic (28’st Urso), Negro, De Giorgi; Zanoli, Bensaja (29’st Molinaro), Sibilia, Simonelli (11’st Bezzicheri) Errico; Tounkara, Bunino. A disposizione: Vitali, De Santis, Antezza, Besea, Menghi, Maraolo, Bianchi All. Calabro

    Arbitro: Cascone di Nocera Inferiore (Assistenti: Gualtieri e Massimino)

    Note: Ammoniti De Risio e Zanoli, Tounkara, Bezziccheri

    di Gianfranco Giovene

    E’ un Catanzaro spettacolare quello che con quattro reti e tanta sostanza schianta la Viterbese al “Ceravolo” conquistando tre punti d’oro nella corsa playoff. A spianare la strada ci pensa un super Tulli – doppietta per lui dopo la prima rete della scorsa settimana a Lentini – poi Bianchimano ed infine l’ottimo Celiento. Festa grande per i quasi cinquemila sugli spalti: il Catanzaro allunga, respira entusiasmo e di fatto si rilancia.

    CRONACA – Nessuna sorpresa nelle fila giallorosse alla partenza: scontata la squalifica Celiento riprende il proprio posto in difesa, per il resto Auteri conferma l’ossatura vincente di Lentini con Di Piazza, Kanoute e Tulli davanti. Cambia invece Calabro risparmiando Bezziccheri e Besea in avvio per Sibilia e Simonelli.

    Primo tempo – Sono le aquile, d’autorità, a conquistare il pallino del gioco nel primo quarto d’ora: Corapi ispira, Celiento martella sull’incudine, ma non si riesce ad innescare l’attacco. Di contro i laziali non perdono mai il filo: manovra essenziale, precisa, e via a cercare il mobilissimo Tounkara. E’ al ventiquattresimo che si rompono gli equilibri: un destro da fuori di Celiento viene respinto centralmente da Pini, ne approfitta Tulli che stoppa e tira trovando l’angolino giusto per il vantaggio. Aumentano i giri ed è la mediana giallorossa a salire in cattedra: Casoli ci prova dalla distanza al trentasettesimo – bello il gesto, manca la mira – poi è Contessa seminare il panico sulla sinistra mettendo al centro un pallone velenoso su cui Di Piazza non arriva per un soffio.

    Secondo tempo – Una fiammata di Kanoute al quarto apre ufficialmente la ripresa: il franco senegalese fa tutto bene ma a tu per tu con Pini spara fuori divorandosi l’occasione per il bis. La Viterbese tenta di riorganizzarsi senza però trovare gli sbocchi giusti. Cosa che invece riesce eccome ai padroni di casa che passata l’ora di gioco fanno prima le prove generali del gol con Atanasov – di testa su punizione di Corapi – e poi colpiscono con un jolly assoluto di Tulli da posizione decentrata. Il due a zero permette ad Auteri di mescolare un po’ le carte: dentro finiscono Carlini e Bianchimano – fuori Di Piazza ed un applauditissimo Tulli – ed è proprio l’alto numero diciotto a marcare ulteriormente il solco battendo in contropiede il portiere ospite. Conto largo ma non ancora completo per il Catanzaro: l’ultima firma la mette Celiento intervenendo puntuale e rapace sulla solita punizione perfetta di Corapi.

    Più informazioni su