Catanzaro Calcio, Contessa. “Sappiamo di essere una squadra di livello”

Il giocatore: 'E' la prima volta che mi trovo a lavorare con il 3-4-3 - ha ammesso - in passato mi sono sempre adattato ad un modulo più difensivo'

I binari di sinistra sembrano aver trovato finalmente una locomotiva d’alta velocità. E se la gode il Catanzaro, felice per ora dell’ottimo rendimento di Contessa. Il centrocampista ex FeralpiSalò è senza dubbio tra le notizie più positive di questa fase per le aquile: al pari del collega Corapi in mediana, di Atanasov in difesa e di Tulli davanti. Apprendistato tempo zero per lui, diligente nelle giocate, attento in chiusura e decisamente più di spinta rispetto al predecessore Favalli. Oggi, in sala stampa, le sue prime dichiarazioni da giallorosso tra l’emozione di ritrovare una piazza calorosa del sud e lo sguardo già rivolto alla sfida di sabato contro il Rieti.

Contessa

ENTUSIASMO RITROVATO – Tanta la voglia del brindisino di abbracciare il Catanzaro. Così tanta che «appena ricevuto l’ok dalla Feralpi» si è badato subito «a chiudere le valigie e partire». «Ho giocato più di una volta qui – ha detto il laterale – Le piazze meridionali sono più calorose ma anche meno pazienti, al nord invece la gente partecipa ma con più distacco». Già con il Lecce aveva conosciuto il “Ceravolo”; più fresco però il ricordo del playoff con la maglia dei leoni del Garda. «Per una realtà come la Feralpi è stato bello affrontare i playoff in un contesto come questo, anche con tanti tifosi contro sulle gradinate – ha sottolineato Contessa – Una volta arrivato qui ho trovato l’aria un po’ pesante, in primis nello spogliatoio. Poi però il mercato e l’arrivo di Auteri hanno dato una linfa differente e l’ambiente ha saputo ritrovare l’entusiasmo perduto».

OBIETTIVO PROMOZIONE – Bisognava dare una «sterzata a prestazioni e risultati»: ed anche lui ha contribuito a darla con prove ineccepibili che lo hanno subito consacrato titolare. «E’ la prima volta che mi trovo a lavorare con il 3-4-3 – ha ammesso – in passato mi sono sempre adattato ad un modulo più difensivo. Con Auteri ho più possibilità di spinta e per le mie caratteristiche è assolutamente congeniale. Abbiamo la convinzione di essere una squadra di livello – ha aggiunto poi – La società ha fatto uno sforzo importante a gennaio e dovremo fare il massimo in questi mesi per centrare l’obiettivo promozione».