Le aquile ai playoff: l’incoraggiamento di tifosi ed ex

Tanti i messaggi giunti in redazione e trasmessi nello speciale Monitor Playoff. Stasera l'esordio contro il Teramo

Un “forza aquile” gridato tra le onde del mare, un coro da stadio che si alza dal salotto, una poesia immersa nel giallorosso che mescola insieme pandemia e serie B. E poi il sottofondo di vecchie canzoni a rievocare mille emozioni passate, tatuaggi con l’aquila in bella mostra ed una spinta anche da dietro il bancone del negozio. «E’ arrivata l’ora di vincere» dicono i tifosi nei tanti messaggi inviati a CatanzaroInforma e mandati in onda ieri nel corso di Monitor Speciale Playoff. Un incoraggiamento colorato e colorito con inviti alla squadra a «mettercela tutta, a dimostrare l’attaccamento alla maglia» ed iniziare con il piede giusto il cammino degli spareggi promozione. Perché è vero che questa sera, nell’esordio contro il Teramo, le gradinate del “Ceravolo” resteranno vuote; ma tutto intorno, in città ed anche oltre, la passione per il Catanzaro bolle e si fa forte. E c’è già chi, come il piccolo Valerio, si fa beffe della scaramanzia e già pronostica il successo in uno sketch con papà Matteo divenuto già virale sul web.

VECCHIE CONOSCENZE – Tra i tanti messaggi arrivati in redazione anche quelli di un paio di vecchie conoscenze con il cuore ancora a strisce giallorosse. Il “sempre capitano” Marco Ciardiello – «Dai ragazzi, cerchiamo di sfatarli questi maledetti playoff che la B ci aspetta», la roccia Ciro Sirignano con tanto di gagliardetto alle spalle – «Un grosso in bocca al lupo a chi scenderà in campo, seguirò le aquile come ho sempre fatto» – e il “cugino fraterno” Riccardo Mengoni – «Sono certo che i ragazzi daranno gioie ai tifosi giallorossi». Last but not least, anche il belga Kenneth Van Ransbeeck, con la maglia delle aquile indosso: un «Forza Catanzaro» gridato ad ogni latitudine in attesa dell’esordio playoff di questa sera.