Catanzaro, Modesto è un’idea ed un ‘sentiero’

Braglia ad Avellino: il tecnico ex Rende profilo giusto per gli obiettivi del prossimo anno immaginati dal club

di Gianfranco Giovene
Depennato ufficialmente il nome di Piero Braglia dalla lista dei possibili sostituti di Gaetano Auteri – il tecnico dell’ultima promozione giallorossa in B ha firmato ad Avellino per un anno con opzione per il secondo, più bonus in caso di promozione – una nuova idea sembrerebbe aver fatto capolino nelle stanze di via Gioacchino da Fiore, per il Catanzaro.

Nulla di concreto al momento, ma una scintilla che pare avere tutte le carte in regola per passare presto a livello successivo: quello di pista da battere per la futura panchina delle aquile. Un pensiero chiamato Francesco Modesto, profilo ritenuto ad oggi più confacente – rispetto anche a quello del collega Giuseppe Scienza del Monopoli – agli obiettivi stabiliti dal club per il prossimo anno.

L’allenatore crotonese, ex Rende e reduce da una parentesi a Cesena, è anche nel mirino del Mantova. Toccherà al presidente Noto, nei prossimi giorni, valutare e sciogliere le riserve. E parallelamente indicare alla piazza il sentiero che si vorrà imboccare nella nuova stagione. Da parte loro i tifosi già chiariscono la posizione; uno striscione degli Ultras appeso oggi fuori dai cancelli del “Ceravolo” recita schietto: “Conti in ordine e bilancio fiorente non bastano per essere una società vincente. Cuore e passione per tornare al nostro blasone”.

Catanzaro Calcio striscione ultras