Quantcast

Catanzaro Calcio, via Pasquale Logiudice parte la corsa al nuovo ds

Raffaele Rubino è uno dei profili su cui si starebbe riflettendo, insieme ad altri aggiuntisi anche in autopromozione

«Tuttavia, dopo l’enorme delusione per l’esclusione dai play off, la società ha deciso di rivedere il proprio progetto tecnico».

E’ un “tuttavia” mica da poco quello inserito in calce alla breve nota con cui questa mattina il Catanzaro ha ufficializzato il divorzio dal diesse Pasquale Logiudice. Un “tuttavia” che certo mette un punto al passato più recente, che sfila la seconda costola – la prima era stata Auteri qualche settimana fa – del progetto per la B varato solo due anni addietro, ma che ancora non chiarisce – né in un senso, né nell’altro – gli indirizzi per il futuro prossimo dei giallorossi. Per quello si dovrà attendere ancora: la parola viva del presidente, il “verbo del vertice”, sarà di fatto l’unica via per poter attribuire un significato preciso a termini, decisioni e prospettive.

Di certo c’è che l’addio di Logiudice – che nell’esperienza Noto era subentrato in corsa succedendo al dimissionario Doronzo nel marzo 2018 – apre d’ufficio la corsa al nuovo diesse: Raffaele Rubino è uno dei profili su cui si starebbe riflettendo, insieme ad altri aggiuntisi anche in autopromozione.