Un riconoscimento per Santo Mineo dal Centro Nazionale Sportivo Libertas

Un altro ambito riconoscimento per il lavoro che svolge, per la sua tenacia, per le sue doti di grande professionista impegnato nello sport e nel sociale a 360 gradi

Il Centro Nazionale Sportivo Libertas ha inteso premiare alcuni dei suoi figli (dirigenti e tecnici) per meriti eccezionali. La premiazione, a sorpresa, ha coinvolto il Presidente Regionale della Libertas Calabria il Professor Santo Mineo.

La motivazione rientra nel grande spirito di sacrificio, nell’impegno costante, nella crescita del movimento Libertas e rappresenta, per Santo Mineo, un altro ambito riconoscimento per il lavoro che svolge, per la sua tenacia, per le sue doti di grande professionista impegnato nello sport e nel sociale a 360 gradi. Una figura certamente da imitare e per chi lo conosce sa che svolge con cura, passione ed attaccamento allo sport il suo lavoro di alto dirigente e tecnico dello sport e del sociale . Certamente questo serto di Alloro Libertas rappresenta lo stimolo importante per continuare ad esprimere i giusti traguardi dello sport e del sociale. La Calabria trova in questi suoi figli il trionfo delle idee, della lealtà sportiva ed umana, il coraggio di chi sa soffrire e che raggiunge con zelo obiettivi importanti. Santo Mineo è questo .

Chi è Santo Mineo?

Oltre ad essere il Presidente del Centro Nazionale sportivo Libertas della Calabria riconfermato sino al 2024, è il Presidente della Asd Centro Sportivo Giovanile Catanzaro Lido, un sodalizio impegnato nell’atletica leggera, nella pallavolo e nel badminton. Ed ancora è il Presidente
Onorario della Rete Nazionale Libertas ISCAFAT Italia-Sport-Cultura-AssociazionismoFormazione-Ambiente Turismo Sociale. Dal 1980 è impegnato nella Federazione Italiana di Atletica Leggera quale dirigente Componente la Giunta ed il Consiglio Regionale FIDAL CALABRIA. E riveste il ruolo di Presidente della Commissione Tecnica Regionale ed è sempre a lavoro ,con i prestigiosi tecnici, per la cura di importanti atleti del panorama dell’atletica leggera nazionale. Da qualche mese è il Coordinatore Responsabile del Progetto “Lo Sport GenerAttore di Comunità”, Gli obiettivi sono quelli di contrastare la marginalizzazione delle persone soggette a pena detentiva entro luoghi, come le carceri, considerati già ai margini delle aree urbane e della società; promuovere e garantire il miglioramento delle condizioni psico-fisiche e opportunità di crescita utili ad affrontare il periodo detentivo e a favorire il percorso rieducativo e il reinserimento sociale; favorire il reinserimento sociale e lavorativo delle persone a fine pena attraverso la pratica e formazione sportiva.