Karting, nuovo successo per il catanzarese Virelli al campionato interregionale

Terzo successo e ipoteca sul titolo. Le sue impressione dopo la gara

Più informazioni su

Continua la cavalcata verso l’ennesimo titolo di campione interregionale Zona 8 Basilicata – Calabria per Simone Virelli, tredici anni catanzarese alfiere del team Giusy Kart Competition di Gianmarco Sicilia, che dopo essersi aggiudicato il titolo per 3 anni di seguito nella categoria 60 mini con la vittoria della 3^ prova, ha messo una seria ipoteca sul titolo della nuova categoria 125 X 30 Junior da Rockie (per il primo anno in questa categoria).

Ma non finisce qui Simone si aggiudica anche il 1° assoluto della gara essendosi classificato, 1° pole position, 1° in prefinale e 1° in finale, e con il maggior distacco tra il primo classificato ed il secondo riesce ad avere la meglio sui piloti che hanno avuto lo stesso risultato nelle altre categorie.

Vince infine il trofeo su unica prova a pieno punteggio per l’annuale memorial dedicato a “Riccardo Sicilia” suo primo mentore in questo sport a cui dedica la vittoria.

Conduce quindi il campionato con 60 punti seguito dal suo compagno di team Giuseppe Sestito 37 punti (Campione uscente 2019) e Miriam Nisticò 25 punti.

Intervistato alla fine della competizione ha così risposto:

 Simone sei stato protagonista di questa gara vuoi commentare i risultati?

Sono felicissimo del risultato ed anche se il tempo è stato incerto in ogni prova ero     prontissimo a gareggiare anche sul bagnato, condizione su cui mi sono tanto allenato e ero sicuro di poter essere competitivo anche in condizioni estreme.

Cosa ci dici del tuo mezzo?

Grazie per la domanda che mi permette di ringraziare il mio team manager Gianmarco Sicilia con tutti i suoi meccanici e soprattutto il mio meccanico Gianluigi Nicoli che mi ha seguito costantemente durante tutta la competizione mettendomi a disposizione un mezzo veramente competitivo e con un set-up all’altezza della situazione; purtroppo a volte un bravo pilota non si può esprimere al meglio senza un mezzo adeguato alle situazioni.

La cosa che ci colpisce di te è la tua umiltà il tuo essere tranquillo fino a quando non indossi il casco e chiudi la visiera, li cambi completamente atteggiamento.

Una volta qualcuno mi disse (Riccardo Sicilia): non vantarti mai di quello che sei e di quello che fai, lascia sempre parlare i risultati, sono quelli che zittiscono le persone e quando i risultati non arrivano impegnati sempre di più. Ecco perché oggi sono orgoglioso di essermi aggiudicato il trofeo a lui dedicato, seguendo i suoi insegnamenti; ed essere premiato da colei che ha dato il nome al Team “Giusy Scozzafava” è stata una soddisfazione ineguagliabile.

 Quali sono i tuoi obiettivi per quest’anno e per il futuro?

Beh per quest’anno di sicuro vincere il campionato interregionale, e se riuscirò sponsor permettendo, vorrei partecipare almeno ad una competizione internazionale come più volte ho fatto in 60 mini, per misurami con piloti di tutto il mondo; poi l’anno prossimo partecipare al campionato italiano in questa categoria.

  

Più informazioni su