Quantcast

Debacle del Catanzaro, la Ternana va di manita. Un 5-1 che fa riflettere. RIvedi la diretta di Studio giallorosso fotogallery segui la diretta

Le Aquile reggono sono per parte del primo tempo. Un rigore di Carlini risponde a Partipilo. Nella ripresa gli umbri dilagano

Più informazioni su

    TERNANA-CATANZARO 5-1

    Marcatori: 16’pt Partipilo 35’pt rigore Carlini , 6’st Falletti, 14’st Palumbo 21’st Raicevic, 45′ st rigore di Peralta

    Ternana (4-2-3-1): Iannarilli; Defendi, Boben, Kontek, Mammarella; Palumbo (33’st Salzano), Damian; Partipilo (34’st Peralta), Falletti (26’st Paghera), Torromino (23’st Furlan); Raicevic (23’st Ferrante). A. disp.: Casadei, Proietti, Vantaggiato, Russo, Suagher, Laverone, Frascatore. All.: Lucarelli.

    Catanzaro (3-5-2): Branduani; Fazio, Martinelli, Pinna; Garufo, Altobelli (30’Di Massimo), Corapi, Casoli, Contessa (30’Verna); Evacuo (24’st Baldassin), Carlini (16’st Curiale). A disp.: Iannì, Di Gennaro, Cusumano, Salines, Riggio, Riccardi, Risolo. All.: Calabro.

    Arbitro: Ermanno Feliciani di Teramo. Assistenti: Basile, Di Giacinto. Quarto Ufficiale: Taricone

    Una sconfitta larga e pesante che non fa avanzare in classifica e qualche interrogativo lo pone. Finisce cinque ad uno la sfida del “Liberati” tra Ternana e Catanzaro con i giallorossi realmente in partita solo dopo la rete del momentaneo pareggio, fino alla chiusura del primo tempo. Di Partipilo, Falletti, Palumbo, Raičević e Ferrante i colpi rossoverdi; il rigore di Carlini ha soltanto limitato i danni.

    CRONACA – Sorprese in entrambi gli undici, in partenza, nel reparto avanzato: Calabro opta per il tandem inedito Carlini-Evacuo mentre Lucarelli sceglie Torromino e Raičević. Per i giallorossi anche il recupero di Casoli in mediana ed il contemporaneo lancio di Altobelli e Garufo.

    Primo tempo – Accorto l’avvio delle aquile, teso più ad arginare l’iniziativa avversaria che non a proporre. Di diverso tenore l’inizio rossoverde con un colpo di testa di Raicevic all’undicesimo a fare da avvisaglia e al sedicesimo il tap-in vincente di Partipilo per il primo vantaggio. L’assist lo fa Falletti, la palla viaggia nella selva di gambe dell’area piccola trovando la punta – in posizione di sospetto offside – pronto alla battuta a rete. Equilibri subito rotti, per questo alla mezzora Calabro cambia inserendo Verna per dare dinamismo agli inserimenti di mediana – fuori Contessa – e Di Massimo per aumentare il peso davanti – fuori un impreciso Altobelli. Scelta che premia visto che alla prima occasione utile l’attaccante si fa atterrare in area da Boben procurando il rigore che al trentaseiesimo Carlini realizza. Il pareggio dà la spinta ai giallorossi che nel recupero della frazione vanno ancora vicini al gol con una girata di testa di Evacuo: palla fuori ma buona l’intenzione.

    Secondo tempo – Avrebbe dovuto ricominciare da qui il Catanzaro ma la Ternana, alzando la voce, trasforma la ripresa in viaggio nell’orrore. Seconda rete con un tiro da fuori di Falletti – ma è decisiva la sfortunata deviazione di Fazio – poi tris con una staffilata di Palumbo su assist in rovesciata di Damian. Tutto nel giro di quindici minuti: aquile kappao e partita virtualmente chiusa. La carta Curiale per Carlini è il tentativo estremo di Calabro di evitare la ritirata ma la botta psicologica è forte e non si riesce più a salire. Al sessantacinquesimo Palumbo affonda ancora e fa ballare la difesa offrendo a Raičević la palla giusta per la quarta marcatura, poi nel recupero Pinna atterra Ferrante in area: il rigore chiude i conti e fa calare il poker agli uomini di Lucarelli.

    Più informazioni su