Quantcast

Catanzaro Calcio, si prepara l’affondo per Cuppone

L'apertura del diesse Cerri: «Ci stiamo lavorando. Renderebbe più competitivo il reparto». La chiusura non pare lontana. Su Pinna: «L'obiettivo è trattenerlo, ma è in scadenza...». E Di Piazza si riavvicina a Catania

Più informazioni su

    Sette gol in quindici partite: l’ultimo – potrebbe esserlo davvero – è arrivato ieri, nel recupero di campionato contro il Bisceglie. Non c’è da meravigliarsi che i riflettori del mercato si siano accesi forte su Luigi Cuppone della Casertana. Ma il Catanzaro pare aver decisamente conquistato la pole per lui tanto che i prossimi giorni potrebbero essere quelli giusti per la chiusura dell’operazione. In via Gioacchino da Fiore si soppesano cautela ed ottimismo sull’argomento ma una significativa apertura è arrivata oggi dal diesse Cerri. «Ci stiamo lavorando – ha detto – è un giovane di prospettiva e sarebbe un tassello importante per rendere ancor più competitivo il nostro reparto avanzato. Sta diventando famoso con tutte queste reti – ha aggiunto con il sorriso – ci pensiamo noi ma anche altri».

    Proprio l’attuale responsabile del settore tecnico giallorosso lo aveva voluto e portato a Monopoli nella stagione scorsa – segnò anche al “Ceravolo” contro le aquile – e la scadenza contrattuale con i rossoblù – fissata a giugno prossimo – rappresenta un dettaglio per nulla trascurabile. «E’ giovane – ha aggiunto Cerri – e si inserirebbe nel target inquadrato dalla società per questo mercato vale a dire elementi che possono fare da ossatura per due o tre anni». Si chiuderà, insomma. E dai ranghi avanzati attuali bisognerà fare uscire qualcuno: Curiale e Di Piazza sono ovviamente i maggiori indiziati con il secondo vicino all’accordo per il passaggio a Catania. «E’ un mercato non semplice – ha sottolineato Cerri – le difficoltà sono tante e per le cessioni si opera soprattutto di scambi. Abbiamo liberato Riggio ed Evan’s perché cercavano maggiore spazio, lo stesso stiamo provando a fare con Urso valutando le opzioni sul tavolo».

    Non ci sarebbe per ora Pinna nella lista di sbarco ma il capitolo esterni si intreccia con quello – forse spinoso – delle scadenze contrattuali. L’ex Cosenza non è il solo in questa posizione – «ci sono anche Contessa e Casoli, in più Garufo è in prestito» – ed è quantomai normale che la società ragioni anche in funzione della stagione successiva.

    Più informazioni su