Quantcast

Catanzaro-Catania 2-0, botta e risposta tra il tecnico etneo Baldini e il dg giallorosso Foresti

L'allenatore: "Catanzaro decimato? Non è che mancassero troppi titolari". Il direttore in diretta: "Dichiarazioni inaccettabili. Avrebbe dovuto farci complimenti".

Più informazioni su

«Abbiamo fatto la partita e questo importa. Non ci siamo mai messi a dire “manca Tizio o manca Caio”, noi: ce la siamo giocata e lo abbiamo fatto a viso aperto. Le difficoltà denunciate dal Catanzaro? Francamente non le ho viste: a mancare non erano grandi giocatori dell’undici titolare ed i cambi a disposizione erano comunque di  livello». Sono trascorsi pochi minuti dal fischio finale di Catanzaro-Catania: mentre i giallorossi fanno festa nello spogliatoio davanti ai microfoni della sala stampa sfila il tecnico dei rossazzurri Baldini. Dice la sua, visibilmente amareggiato per la sconfitta. E le parole che usa sono benzina pura sul fuoco delle polemiche visto che ad essere tirate in ballo – e clamorosamente sminuite – sono le difficoltà con cui i giallorossi si sono presentati all’appuntamento e con cui stanno vivendo l’ultimo travagliatissimo periodo.

Generico aprile 2021

Sette positivi – tutti titolari, checché se ne dica – e solo un recupero effettivo in extremis per ciò che concerne il campo; una manciata di altri nel contorno tra staff e background. Sarebbe bastato dare uno sguardo alla distinta per capire la portata dell’emergenza tecnica – solo sette  elementi a disposizione, di cui due portieri e nessun difensore di ruolo – e per magari immaginare anche i salti mortali compiuti in settimana per approntare le sedute di allenamento, tra tensione e tamponi, protocolli ed isolamenti. Ma tant’è.

La risposta al mister degli etnei è arrivata rabbiosa e netta nel corso di Studio Giallorosso dalla viva voce del diggì Diego Foresti che ha bollato come «inaccettabili» le dichiarazioni rossazzurre del postgara.

«Non permetto al signor Baldini di parlare in questo modo – l’intervento del vertice di casa aquile – E’ un neonato di questa categoria e deve imparare a stare al mondo. Ha perso l’occasione per fare i complimenti ad una società che sta vivendo una situazione difficilissima dentro e fuori dal campo. Spero che non provi mai quello che stiamo provando noi perché vedere il terrore costantemente negli occhi dei ragazzi, non potersi allenare con serenità non è bello». Poi l’affondo: «Si sciacqui la bocca prima di parlare del Catanzaro. Solo noi sappiamo cosa stiamo passando e ancora ci siamo nel mezzo».

Nel video in alto un breve stralcio delle dichiarazioni trasmesse da Studio giallorosso.

Più informazioni su