Quantcast

Catanzaro Calcio, consegnate le maglie dell’asta benefica per ‘Città Solidale’ fotogallery

Ieri a Giovino la cerimonia aperta a tifosi e Fondazione. L'iniziativa del club, in partnership con CatanzaroInforma, ha fruttato 6500 euro per i minori

Era da poco terminato l’allenamento pomeridiano del Catanzaro, ieri, quando a Giovino i cancelli si sono aperti e a varcarli è stato uno sparuto gruppetto di tifosi: ragazzi e bambini, prevalentemente, ma anche mamme e papà e pure qualche nonno al seguito. Tutti convocati per l’atto finale della bella iniziativa organizzata nei mesi scorsi dal club in favore di Fondazione “Città Solidale” con l’asta di beneficienza – battuta in una puntata speciale di Studio Giallorosso, su CatanzaroInforma – che aveva messo in palio le maglie indossate dai giallorossi nel match pre natalizio contro la Juve Stabia. Covid e focolaio esploso nello spogliatoio avevano infatti impedito l’immediata consegna delle casacche ai tifosi che se le erano aggiudicate nella maratona solidale di febbraio ed al contempo avevano fatto slittare il momento della cerimonia di devoluzione a Fondazione. Si è recuperato ieri, come detto: tra sorrisi, foto ricordo, autografi e promesse di ripetersi.

«RISULTATO STRAORDINARIO» – Seimilacinquecento euro la somma raccolta, riportata a caratteri giallorossi sull’assegno formato maxi consegnato dal diggì Foresti alla coordinatrice dell’area Comunicazione e Marketing di “Città Solidale” Roberta Critelli. «La città ed i tifosi hanno risposto in maniera splendida a questa chiamata a scopo benefico – le parole del vertice di casa aquile – Aiutare chi fa del bene è sempre importante, lo è ancora di più nel periodo di pandemia che stiamo vivendo. Il club, il presidente e tutta la famiglia Noto sono da sempre attenti a questo genere di tematiche – ha aggiunto il diggì – Non pensavamo di ottenere un risultato così positivo e siamo orgogliosi di quanto fatto , felici di poter coronare l’iniziativa con la consegna delle maglie ai vincitori e del contributo agli amici di Fondazione». Altre attività verranno impostate per il futuro è stato l’annuncio, «sperando di poter ritornare presto alla vita normale».

«NON UNA FINE MA UN INIZIO» – Questo l’auspicio anche di “Città Solidale”, espresso con soddisfazione dalla Critelli . «Più che il momento di chiusura di un’iniziativa passata ci piace pensare a questa giornata come un nuovo inizio – ha detto – Attraverso lo sport che appassiona di più la città siamo riusciti a trasmettere il messaggio della solidarietà: è stata una bellissima esperienza e di certo altre se ne faranno». C’è da giurarci. Perché il legame tra Fondazione ed il club giallorosso è solido ormai da anni – «il Catanzaro segue i percorsi dei minori nelle nostre strutture e spesso ci accoglie nei suoi momenti sportivi importanti» – la sinergia tra le parti è salda come la voglia di unire le forze per il territorio. Il ricavato dell’asta verrà impiegato per attività dedicate ai giovani ospiti delle strutture di Fondazione : «Ci avviamo alla progettualità estiva – ha chiosato la Critelli, omaggiando il club giallorosso di una targa ricordo – Sarà un sostegno importante per il percorso psicoeducativo dei nostri ragazzi».

SORRISI – Contenti tutti, insomma. Anche i vincitori delle pregiate casacche: pezzi da collezione, impreziositi da un ricamo ad hoc. Tra questi anche i ragazzi del Museo del Catanzaro Calcio , protagonisti dell’asta con l’acquisto di ben cinque magliette. Curiale, Fazio, Di Gennaro, Altobelli ed Urso i prescelti dagli appassionati Luca Feroleto e Roberto Vasapollo : «un modo per incrementare la collezione – hanno detto – e dare anche questa volta, come sempre, il nostro contributo per una giusta causa. La speranza? Poter esporre anche questi pezzi, insieme a tutti gli altri, in una sede fissa in città».