Quantcast

Aquile verso l’Albinoleffe. E domani a Giovino i tifosi salutano la squadra. Foresti: “Essere favoriti ci penalizza”

Il dg: " Avversario tosto". Domani nuovo allenamento congiunto con la formazione primavera guidata da Spader

Più informazioni su

Resisteva un solo dubbio fino a stamattina: l’avversario da affrontare. Il sorteggio di Firenze ha fatto cadere anche questo interrogativo per il Catanzaro permettendo a Calabro ed i suoi di varare in via definitiva l’operazione playoff. Giusto il tempo di metterla nel mirino, l’Albinoleffe. Poi la priorità è tornata ad essere il campo con un allenamento congiunto con la Primavera dal sapore già di prova generale dal punto di vista tattico. Domani la replica in una cornice che si preannuncia calda e colorata per l’adunata convocata dal tifo organizzato con un tam-tam sulla rete. “Tutti insieme, tutti uniti” il messaggio della Curva Massimo Capraro che nel perimetro del consentito dalle normative anticovid proverà dalle 15 a Giovino a dare una spinta in più alle aquile in vista del doppio confronto.

«PENALIZZATI DALL’ESSERE FAVORITI» – Che sarà tutt’altro che facile a sentire il diggì Foresti. «Saranno sfide molto intense ed equilibrate – la sua analisi rilanciata sul sito ufficiale del club – E partire con il favore del pronostico non può che penalizzarci». I lombardi sono squadra “tosta”, «giovane ma scorbutica e con poco da perdere». Il fatto che abbiano impallinato già Pontedera, Grosseto e Modena qualcosa vorrà pur dire e bisognerà tenere alte le antenne per fronteggiare «il loro entusiasmo, la loro carica sia dal punto di vista fisico che mentale per l’impresa finora condotta».

«Conosco molto bene mister Zaffaroni e so che alle sue squadre è molto difficile fare gol – ha sottolineato il dirigente dei giallorossi – Dovremo essere bravi ad affrontare le due partite con la giusta concentrazione, tenendo anche conto che non giochiamo da ben ventotto giorni. Predico grande attenzione, dunque: la stessa che ci ha consentito di centrare il secondo posto al termine del campionato, sfoderando prestazioni di carattere anche con avversari di spessore». A Calabro il compito di caricare le molle del gruppo in questi pochi giorni prima della partenza: «So che ci si sta preparando con la solita motivazione – ha chiosato il diggì – ed il gruppo, come dimostrato nel corso del torneo, non lascerà nulla di intentanto per raggiungere l’obiettivo»

Più informazioni su