Quantcast

Spareggio Eccellenza, vince il Sambiase, recrimina il Sersale

Gioia incontenibile per i ragazzi di mister Fanello per la conquista della Serie D

Più informazioni su

Spareggio play-off campionato di Eccellenza: vince il Sambiase con rigore decisivo di Umbaca, recrimina il Sersale per presunti torti arbitrali.
Così oggi, 20 Giugno 2021, allo stadio Ferrarizzi della città di Sersale.
Al triplice fischio finale, gioia incontenibile per i ragazzi di mister Danilo Fanello per la conquista della serie D, lacrime inconsolabili di disperazione e rabbia di Salvatore Scalise e compagni per un sogno svanito all’ultima partita. E non senza proteste per decisioni dell’arbitro Papagno, ritenute da giocatori e dirigenti molto opinabili.

Nel primo tempo, gioca meglio il Sambiase con veloci fraseggi e il suo numero dieci Umbaca che si dimostra molto ispirato. Il Sersale rinuncia a cinque titolari e dopo appena 10 minuti perde per infortunio anche l’esterno Caliò.

Al 25’, il numero uno del Sersale Parrottino, tra i migliori in campo, salva il risultato con una grande parata su colpo di testa ravvicinato del difensore Mirabelli.

Dopo pochi minuti, Umbaca semina il panico in area di rigore sersalese, ma azione non si concretizza. Finisce zero a zero la prima frazione: risultato fa comodo solo ai padroni di casa.
Nel secondo tempo, gioca meglio il Sersale e non mancano le occasioni da chiudere incontro e campionato.
Già al 48’, l’attaccante Arena minaccia la porta difesa da Lamberti. Nulla di fatto. Dopo 5 minuti, ci prova, sempre da fuori, anche il fantasista sersalese Nesticò, ma la palla esce di poco. Al 55’, Sersale chiede primo penalty per presunto tocca di mano sugli sviluppi di un calcio d’angolo: Papagno è irremovibile.

Il Sambiase, dopo due minuti, rammenta a tutti che ha un calciatore di altra categoria: ancora Umbaca pericoloso con conclusione da fuori.
Al 60’, l’episodio che decide la gara: Bernardi prova dribbling in area di rigore tra due difensori sersalesi: arbitro vede un contatto ed indica gli undici metri. Proteste infinite di giocatori e dirigenti del sersale: impressione è che il numero 7 del Sambiase accentui la caduta.

Non ci sta il Sersale e dopo soli due minuti, il centrocampista Leta non concretizza assist dell’ottimo Alfieri.
Sale in cattedra Nesticò, autore di un buon secondo tempo, e il Sambiase soffre: numero dieci del Sersale trova in area Grandinetti che non coglie l’attimo.

Al 71’ ancora proteste, ancora interruzioni: su punizione di Leta sembra netto il fallo di mano di un difensore ospite, ma arbitro romano anche stavolta dice no.
Ci prova ancora il Sersale sempre con Leta, ma l’estremo Lamberti si oppone con decisione.
Se ci fosse stata la Var forse saremmo qui a parlare di un altro verdetto, ma tant’è. Risultato non cambia: recrimina Sersale, gioisce il Sambiase.

MARCATORI: 60’ UMBACA SU RIGORE

ASD SERSALE: PARROTTINO 7; MENNITI 6; SCALISE 6,5; COMITO 6,5; NESTICÒ 7; CALIÒ SV. ( 10’ TORCHIA 6); ALFIERI 7 ( 62’ GRANDINETTI S.V.; 90’ CRISTAUDO S.V.); LETA 6,5;TASSONI 7 (62’ PLATI’ 6,5) ; COSTA 6; ARENA 6 (75’ SCHIRRIPA 6).
SAMBIASE: LAMBERTI 6,5; CHIODO 6; RIGA 6; GAUDIO 6,5; MIRABELLI 7; DE NISI 7; VITALE 6,5; BERNARDI 5; FIORETTI 5,5 ( MANDARANO 6); UMBACA 7,5; VERSO 6.

ARBITRO: ALESSANDRO PAPAGNO DI ROMA 5

Più informazioni su