Quantcast

Catanzaro Calcio, Pelliccioni si presenta tra entusiasmo e voglia di migliorarsi

Prima uscita con la stampa per il nuovo direttore sportivo delle Aquile

Più informazioni su

Entusiasmo, voglia di migliorarsi, “squadrone” perché no. Sta tutta qui la prima conferenza stampa del nuovo anno in casa Catanzaro: in una battuta a due tra Floriano Noto e Diego Foresti che oltre a tracciare la via per il futuro immediato dei giallorossi ben descrive anche l’arduo compito affidato al nuovo direttore sportivo in pectore Alfio Pelliccioni. Entusiasmo, come è normale che sia dopo la bella cavalcata dell’anno scorso. E voglia di migliorarsi, che certo non manca, tradotta con il sorriso anche slanci “ternani”, in sogni di corazzata che dirà il mercato se vani o meno.

Generico giugno 2021

«A BUON INTENDITOR…» – La battuta l’ha fatta il diggì Foresti – pur sottolineando che non sono i grossi nomi a far vincere – dall’altra parte il presidente Noto non ha chiuso la porta. Anzi. «Il verbo dell’anno scorso era ottimizzare – ha esordito – quello di quest’anno sarà migliorare. Usciamo da una stagione regolare pienamente soddisfacente e la proprietà non può che essere contenta per la gestione manageriale e sportiva degli ultimi mesi. La stagione alle porte è delicata perché andremo ad affrontare piazze importanti come Avellino, Bari, Palermo, Catania ma anche nuove arrivate come Cosenza, Taranto e Messina. Per fare un campionato di vertice servirà per questo un dispendio maggiore di risorse. Gli obiettivi restano gli stessi e ad intenditori buone parole». Si punta forte, nonostante la scaramanzia. E i primi passi concreti sembrerebbero essere già stati fatti come testimoniato dal patron aprendo il capitolo nuovo ds. «Siamo sul pezzo e vogliamo fare bene: stavamo già lavorando nelle scorse settimane, ora si è inserito anche Pelliccioni e vedremo come proseguire».

«QUI PER LA DECIMA» – Già, Alfio Pelliccioni: l’esperto in promozioni – nove in tutto in carriera – grande conoscitore della terza serie ad ogni latitudine, fortemente voluto da Foresti al timone dopo l’addio di Cerri e sostenuto anche da Calabro. «Sono orgoglioso di essere stato scelto da un club ambizioso come il Catanzaro – le sue prime parole in giallorosso – Posso assicurare grande abnegazione, competenza e serietà. Ho nove promozioni all’attivo e prima di venire qui ho detto che voglio conquistare la decima». Slanci anche questi, da testare alla prova del campo.

«FACCIAMO LA GUERRA INSIEME» – Il perché ed il come la scelta sia ricaduta proprio su di lui per sostituire il partente Cerri lo ha spiegato poi Foresti. «Abbiamo incontrato solo tre ds e Pelliccioni era tra questi – la sua ricostruzione – Serviva una persona che conoscesse sia me che il mister e che facesse da raccordo tra squadra e società. Tra noi il rapporto è eccellente, con Calabro anche visto che qualche anno fa me lo voleva scippare a Viterbo per portarselo a Cesena». Battute a parte pare proprio che il feeling ci sia tra i due e sia buono: ottimo viatico per una stagione che si preannuncia rovente. «non sarà facile fare di più dello scorso anno ma è per questo che lavoriamo – ha affermato il diggì – Il cammino intrapreso la scorsa estate doveva avere carattere biennale ma con un po’ di fortuna avremmo potuto anche bruciare qualche tappa. Abbiamo però raggiunto un piazzamento che qui mancava da tanto ed aver riacceso la passione della piazza è motivo d’orgoglio». E ora? «Ora si farà la guerra insieme»: tutti uniti con entusiasmo e voglia di migliorarsi, sperando nello “squadrone” che non assicura la vittoria «ma una manina la dà…».

Più informazioni su