Quantcast

Catanzaro Calcio, al via il raduno. E il mercato? Ora sembra una partita a Monopoli

Dopo i primi fortunati tiri di dado qualche imprevisto di troppo. Ora tutto sembra congelato. I quattro volti nuovi al primo allenamento

Come spinto sulla casella del salta un turno, obbligato ad aspettare le mosse degli altri mentre il calendario scorre. Questa la situazione del Catanzaro sul tabellone del mercato, a ventiquattro ore dall’inizio ufficiale della propria stagione. Un quadro simile ad una partita a Monopoli, iniziata di gran carriera con quattro tiri di dado formidabili, incappata poi in qualche giro poco fortunato – un Vicolo (troppo) Stretto, un paio di Imprevisti e la prigione dei “no” – che ha rallentato l’avanzata. Su quella casella si sta da giorni. E si fa maledettamente fatica ad uscirne, nonostante gli argomenti per farlo siano validi e tutti importanti.

TUTTO CONGELATO – Congelata la caccia al play dopo il rifiuto di Petrucci difficile da metabolizzare: rapidamente si è riusciti ad individuare l’alternativa Carraro ma dalla FeralpiSalò non è arrivata per ora alcuna apertura alla cessione. Le altre idee Giorno e Valdifiori restano sempre attuali ma anch’esse troppo fredde per far supporre uno scatto decisivo a breve. Un bel garbuglio insomma, acuito da uguali rallentamenti sulla corsia di destra. Dove il favorito resta Gabriele Rolando – per il quale si è riusciti a strappare l’ok della Reggina, non ancora quello del ragazzo che preferirebbe aspettare per valutare altre possibilità – ed il piano B il capodistriano Jelenic – che il Padova sarebbe pure disposto a lasciar partire ma per ora solo a fronte di un’offerta più pesante del dovuto. Più intricata ancora la matassa d’attacco: il “no” incassato da Fella ha dettato la virata su Cianci ma la concorrenza e la particolare situazione del Teramo non consentono ad oggi di programmare la chiusura. Con Vazquez c’è invece un accordo di massima ma bisogna convincere la Virtus – se ne parlerà nelle prossime ore – mentre Vano e Murano non sarebbero intenzionati ad abbandonare anzitempo il ritiro del Perugia, desiderosi di giocarsi le proprie carte per una futura B. Il nome più recente aggiunto alla lista è quello di Zigoni – un’operazione abbozzata, ancora da intavolare nei dettagli – e sullo sfondo resta anche l’ex Ternana Ferrante – che piace a Calabro ma ha tanti occhi addosso.

PRONTI AL VIA – Domani intanto partirà ufficialmente l’avventura con il raduno in città e poi il primo allenamento a Simeri. Sicuri volti nuovi saranno Tentardini, Bombagi, Welbeck e De Santis: per gli altri probabilmente occorrerà attendere il trasferimento a Moccone. Da quella casella obbligata, prima o poi, i giallorossi dovranno scollarsi.