Quantcast

Catanzaro Calcio, Calabro: “Siamo in linea con i tempi”

Dopo la Vibonese il trainer è moderatamente soddisfatto: equiparare il livello umano del gruppo dello scorso anno è per me il primo obiettivo

Più informazioni su

Moderata soddisfazione mista a punti interrogativi evidenti ancora da sciogliere. Questo ciò che mister Calabro porta a casa dopo il test amichevole di quest’oggi a Moccone contro la Vibonese. L’immagine nitida di un Catanzaro battagliero e volitivo nella prima frazione, con diversi nuovi volti sopra le righe – su tutti Vandeputte e Rolando – qualche rientro piacevole – il ristabilito Risolo – e pur nell’altra mano l’esigenza di completare presto il lavoro sul mercato per dare più peso al reparto avanzato e più geometria in mediana. “Un buon test – le sue prime parole dopo il match – Ma più in generale un buonissimo approccio in questi primi giorni di lavoro da parte dei ragazzi che stanno lavorando tanto e duramente. Si viaggia senza intoppi per ora – a parte il momentaneo stop di Bombagi – tra cose positive da ricordare e meno positive da correggere. Siamo in linea con i tempi, al di là di una normale difficoltà fisica che comunque non mi preoccupa: ho visto la squadra provare cose nuove e su queste si lavorerà”.

Generico luglio 2021

Magari anche modificando il volto tattico mostrato lo scorso anno per meglio disporre delle nuove pedine di velocità e fantasia arrivate dal mercato. “Sono contento del materiale umano e morale che ho a disposizione oggi – l’opinione in questo senso – I nuovi arrivati hanno fatto tutti bene e la società sa cosa bisogna fare per completare l’opera. Equiparare il livello umano del gruppo dello scorso anno è per me il primo obiettivo: abbiamo perso gente di polso come Corapi ed Evacuo e toccherà metterci una toppa”. Prima l’alchimia di gruppo, poi la tattica è il messaggio.

“Ci sono delle situazioni da completare ed è importante che i nuovi arrivino con il giusto entusiasmo. Non dobbiamo sovrapporre gente in un solo ruolo perchè poi il giocare poco potrebbe generare scontento. Questo la dirigenza lo sa e ad oggi sono soddisfatto dell’andamento delle operazioni”.

Più informazioni su