Quantcast

Catanzaro Calcio, batterie ricaricate per il Potenza. Abbonamenti: si chiude a 752

I giallorossi affilano le armi per ripartire: in settimana a lavoro per condizione e tattica. Solo Romagnoli ai box. Definitivo il dato delle tessere staccate

Cancellare i mugugni del post-Picerno, appiccicargli sopra una bella toppa
di nuovo entusiasmo e nuovi punti, e riportare al massimo i giri del proprio motore. A questo pensa il Catanzaro, oggi all’imbocco della discesa ripida verso il weekend, con il Potenza all’orizzonte ed una settimana di lavoro in più alle spalle. Le indicazioni dello scorso – pallido – turno in Lucania sono state ampiamente recepite dai giallorossi: il maggiore stacco ha permesso di affinare meglio la condizione degli elementi ancora in deficit e pure dal punto di vista tattico di oliare meccanismi ancora in fase di normale apprendimento.

Ci si aspetta dunque una prestazione differente contro i rossoblù, nel ritorno al “Ceravolo”. Ed il primo a sperarci è proprio Calabro che al termine della gara del “Viviani” non si era affatto nascosto, parlando di «risultato non soddisfacente» ed inviduando nella «mancata finalizzazione di quanto prodotto» la pecca maggiore dei suoi.

Il gruppo è in salute – eccezion fatta per Romagnoli, ai box per un piccolo affaticento – e la seduta di domani con poi a ruota la rifinitura di sabato chiariranno al tecnico se occorrerà cambiare anche uomini oltre che copione per ripartire. Oggi intanto per il club si è chiusa ufficialmente anche la seconda tranche della campagna abbonamenti, riaperta con l’inizio di settembre: 752 le tessere staccate.