Quantcast

La pallavolo Stella Azzurra entra nel progetto Uyba & Friends

In pratica, una porta aperta per le nostre piccole atlete che vogliono aspirare a fare pallavolo al più alto livello possibile verso l'Olimpo della pallavolo giovanile nazionale

Siamo orgogliosi di comunicare che la Pallavolo Stella Azzurra Catanzaro  è entrata a far parte del progetto UYBA & FRIENDS, promosso da Uyba Volley, società partecipante, con la propria prima squadra, al campionato Italiano di Serie A1 Femminile (Unet E-Work Busto Arsizio) e uno dei 4 centri giovanili più qualificati e qualificanti dell’intero territorio Nazionale.

Obiettivo del progetto è elevare ulteriormente  il patrimonio di conoscenze e di esperienza delle atlete della nostra Associazione  e dello staff allenatori, al fine di esaltare le potenzialità e le qualità tecniche delle nostre giovani atlete, favorendone l’eventuale futuro inserimento ai livelli appropriati, che siano territoriali o nazionali.

La ASD Pallavolo Stella Azzurra Catanzaro– si legge in un comunicato stampa –  fondata nel 2003 da Giuseppe Fiorini, tecnico di 3° grado nazionale con importanti esperienze nazionali alle spalle, sia a livello femminile che maschile, e Katia Torchio, giocatrice di livello nazionale, rappresenta il principale punto di riferimento dell’attività giovanile nel territorio catanzarese e uno dei principali centri giovanili del territorio regionale calabrese.

Prima della chiusura per la pandemia COVID 19, la Pallavolo Stella Azzurra vantava 180 tesserati solo nel settore femminile, con la disputa di 7 campionati tra livello regionale, provinciale e giovanile. Nonostante la grave crisi delle strutture nella città di Catanzaro, nella scorsa stagione è riuscita a disputare 5 campionati (Serie C, Coppa Divisione Nazionale, under 17, under 15, under 13) raggiungendo due finali regionali con l’under15 e l’under13, ma soprattutto riuscendo a far svolgere attività a 60 tesserate.

La decisione di avviare un accordo di affiliazione con la UYBA & Friends, un network tra i più qualificati nel volley nazionale, nasce dall’esigenza di offrire un servizio sempre più qualificato alle propre atlete e ai tecnici operanti nei vari settori,  accostando la propria realtà alle altre realtà consociate da tempo, tra queste Orago, Torri Vicenza, UYBA e tante altre, confermando la volontà di crescere e di emergere grazie al confronto continuo con modelli di riferimento più alti, per cultura sportiva e organizzazione.

Tra i molti benefici previsti dall’accordo citiamo: “Il progetto si pone l’obiettivo di elevare le potenzialità e le qualità tecniche sia delle società affiliate che delle atlete favorendo le possibilità di inserimento di quest’ultime a tutti i livelli del volley locale o nazionale”. E’ intenzione manifesta delle due società di addivenire, in forza del rapporto di affiliazione ad una forma di stretta ed organizzata collaborazione proprio nella gestione dei settori giovanili di volley femminile, al fine di trarne ulteriori reciproci benefici.

Si prevede altresi’ “di coordinare, nel pieno rispetto delle reciproche autonomie, i programmi degli staff tecnici, soprattutto in chiave di crescita tecnica ottimale sia delle giovani atlete che degli allenatori stessi” In pratica, una porta aperta per le nostre piccole atlete che vogliono aspirare a fare pallavolo al più alto livello possibile verso l’Olimpo della pallavolo giovanile nazionale.

Peppe Fiorini: “Per la nostra associazione è un momento eccezionale di crescita sia a livello tecnico che organizzativo. L’essere stati contattati dalla UYBA , nella persona del suo responsabile tecnico Lorenzo Pintus, già allenatore del Volleyrò, con il quale ha conseguito titoli nazionali Under negli anni trascorsi, e ora, da due anni, responsabile tecnico della UYBA & Friends di Busto Arsizio, gruppo al quale aderisce anche il Volley Orago, per intenderci, una delle squadre più titolate a livello nazionale giovanile, è un grande riconoscimento della qualità del lavoro che stiamo svolgendo. Per le nostre atlete, e per quante vorranno entrare a far parte del nostro progetto, è un salto di qualità eccezionale, ma soprattutto una grande opportunità di crescita e confronto, oltre che di tutela.”