Quantcast

Verso Palermo-Catanzaro, un paio di dubbi per Calabro

Doppia punta come in Coppa? Cinelli sarà disponibile? La rifinutura sarà decisiva

Cinelli non ha ancora smaltito la botta rimediata nell’ultimo turno contro il Potenza e l’esperimento della doppia punta condotto in coppa non è poi dispiaciuto. Attorno a questi due punti ruotano i dubbi di formazione di Calabro in vista del prossimo match che vedrà impegnato il Catanzaro a Palermo. Dubbi che con ogni probabilità porteranno ad una variazione dell’undici di partenza: di sicuro in mediana – con l’innesto di Andrea Risolo al posto dell’ex Vicenza – chissà pure davanti – con il lancio in contemporanea di Vazquez e Cianci.

VERSO IL FORFAIT – La rifinitura di domani sarà decisiva per capire le condizioni del play romano che al di là dell’infortunio alla caviglia non pare comunque star attraversando un grande periodo di forma. Il forfait è al momento l’ipotesi decisamente più accreditata per lui; l’infrasettimanale contro il Catania ha regalato buone indicazioni dal suo sostituto naturale – gratificato per anzianità di servizio anche dalla fascia di capitano – e su questo si farà leva anche per escludere inutili rischi.

RINUNCE DIFFICILI – Di sicuro più ardua la scelta per il fronte d’attacco con l’eventuale tandem – il barese più l’argentino, come in parte è stato contro gli etnei – che almeno sulla carta imporrebbe il sacrificio di uno tra Carlini e Vandeputte. I fari, insomma: quelli che finora più di tutti hanno portato avanti la carretta sul piano della manovra. L’idea c’è ma le valutazioni dovranno essere attente: la trazione anteriore sarebbe certo garanzia di maggiore peso offensivo ma senza il pistone belga o l’omologo terracinese il motore sarebbe ugualmente in grado di carburare? Le prove generali di domani serviranno per approfondire anche questo.